Non Sprecare: Torta di riso salata


Faccio sempre molto volentieri la torta di riso salata perchè:

  • è buona con qualunque complemento, dal prosciutto al formaggio alle verdure, e quindi è un eccezionale piatto antispreco
  • è versatile, può essere un primo piatto, un secondo e persino un antipasto
  • è semplice, il riso si cuoce nel latte, diventa bello cremoso, e si completa come si preferisce

La mia ricetta, con qualche suggerimento per variarla e per renderla ancora più golosa, è su Non Sprecare

Il Gusto di non Sprecare a Euroflora 2018 – Risotto ai fiori di tarassaco


 

Durante un servizio TV dedicato a Euroflora 2018 ho scoperto che c’è una sezione dedicata a quelle piante, spesso umili e spontanee, che possono finire con successo nei nostri piatti.

Evviva! Allora la mia idea di unire cibo e fiori è condivisa!

Provate a fare questo risotto, buono nel sapore e meraviglioso nel colore del sole.

Gli ingredienti per quattro persone:

  • 320 grammi di riso per risotti (per me, Carnaroli)
  • 1 mazzolino di fiori di tarassaco
  • 1 manciata di mandorle con la pellicina
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 foglia di alloro
  • sale
  • Parmigiano Reggiano grattugiato

Tempo di preparazione e cottura: 20 – 25 minuti

Ho tostato il riso velocemente nell’olio, quindi l’ho portato a cottura con l’aggiunta di acqua bollente leggermente salata, appena profumata con la foglia di alloro

Nel frattempo ho lavato con delicatezza i petali del tarassaco (bisogna utilizzare solo le punte, perché la parte aderente al picciolo è un po’ amara)

Ho messo nel mixer petali e mandorle e ho frullato velocemente, per sminuzzare tutto in modo un po’ grossolano.

Ho mantecato il risotto con il trito di mandorle e petali gialli, e un po’ di Parmigiano.

È buono, bello e così estivo!

Strategie: i fiori spontanei hanno breve durata, per avere questo risultato dovete coglierli e cucinarli in breve tempo. Attenzione a sceglierli in prati lontani dal traffico e da fonti di inquina

per l’acquisto: https://bit.ly/2jmcnXr

mento.

Risotto ai fiori di tarassaco e frittatina morbida alle foglie di tarassaco


risotto tarassaco

Stavamo tornando da una breve vacanza, con deviazione strategica per acquisti gastronomici, quando ho notato un campo tutto fiorito di tarassaco. Praticamente irresistibile.

Ne ho raccolto subito un bel mazzo, sia fiori che foglie (tenerissime in questa stagione) e mentre rientravo a casa pensavo a come utilizzarlo.
Le erbe spontanee sono invitanti per la loro freschezza, molte di loro squisite nel piatto, ma hanno un piccolo difetto: non durano! Se vi capita di fare un mazzo spontaneo, lo portate a casa, lo mettete in vaso pensando di cucinarlo il giorno dopo … niente da fare, il giorno dopo sarà praticamente da buttare.tarassaco
Ecco perché volevo trovare come usare tutto subito. Ed è nato il risottino giallo e la frittatina verde, tutto molto semplice e veloce.
Oltre al tarassaco, gli ingredienti:
320 grammi di riso
• 1 manciata di mandorle
• Qualche cucchiaio di olio evo
• Sale
• 2 uova
• 3 cucchiai di ricotta (in realtà io ho usato un formaggio cremoso fatto con il parmigiano, più saporito)
• Parmigiano reggiano grattuggiato
Tempo di preparazione e cottura: 20 minuti
Data la fragranza delicata delle erbe e dei fiori, non ho voluto appesantire con sapori diversi.
Ho tostato il riso velocemente nell’olio (mi dimentico sempre di provare a farlo a secco, mannaggia!), quindi l’ho portato a cottura con l’aggiunta di acqua e un pochino di sale, come un normale risotto.
Nel frattempo ho lavato velocemente i petali del tarassaco (bisogna tagliare solo le punte, perché la parte aderente al picciolo è un po’ amara) e le foglie.tarassaco a bagno2
Ho messo nel mixer petali e mandorle e ho frullato velocemente, per sminuzzare tutto in modo un po’ grossolano.
In una piccola padella ho scaldato ancora un pochino di olio, ho rotto le uova e aggiunto subito il formaggio fuso, ho mescolato il tutto con movimento circolare e ho inserito le foglie di tarassaco, in modo da avvolgerle nell’uovo cremoso.
Nel frattempo il riso è arrivato a cottura, e l’ho condito con il pesto di fiori e mandorle, e un pochino di parmigiano.
Un piatto unico (o doppio?) molto fresco e colorato. I petali e le foglie del tarassaco hanno sapori diversi, quindi la varietà del gusto è garantita. E oggi, per la prima volta quest’anno, ho sentito le rondini.

Dall’inverno alla primavera: ciliegio fiorito con, sullo sfondo, il Monte Cimone ancora innevato

ciliegio e cimone