Una rompi-blogger


Sono sempre qui a predicare e insistere e raccomandarmi: Non sprecate!

Dite la verità, qualche volta rompo.

“Ma qui non avanza mai niente” mi dice qualcuno

Bene, meglio!

Però il problema esiste, è reale ed è gravissimo.

Ci pensate? Siamo sempre di più su questa Terra, e continuiamo a crescere a ritmi esponenziali.

Ma da dove arriva quello che mangiamo?

Dal mare, grande sì, ma l’unico che c’è, e dalla terra, grande anche lei, parecchio cementificata. Non ce ne sono altri.

Per favore, datemi retta, non sprecate

Fate attenzione, controllate che niente vada a male, recuperate, riciclate.

Avete bisogno dei consigli del mio blog e del mio ebook? Ne sono onorata e felice

Volete fare da soli? Va benissimo lo stesso, ma impegnatevi

Piano piano, con calma, senza ansie, cominciate ad alzare il livello di attenzione e … vedrete che, in poco tempo, non solo sarà più facile non sprecare, ma vi verranno un sacco di idee, idee vostre, per fare sempre meglio.

 

La vostra affezionata rompi-blogger

Consigli di lettura:

Elogio dello spreco di Andrea Segrè  – o qualunque libro scritto da lui

 

 

 

 

 

 

 

 

Eventualmente anche il mio Gusto

http://amzn.to/2HcjZWd https://bitly.com/#

 

Frittata alle foglie verdi dei porri


frittata foglie verdi porri

Mia madre mi ha cresciuta secondo i principi più ovvi del risparmio. Non solo non si buttava nulla di commestibile, per carità, ma “ai miei tempi” si recuperava davvero tutto: dalla carta per avvolgere la frutta e la verdura, a quella del pane (ottima per assorbire l’olio dei fritti), alle bottiglie di vetro, che venivano restituite per essere riempite di nuovo.

Poi sono arrivati gli anni ’80, e in men che non si dica chi non ostentava una grande scioltezza nel largheggiare, buttare, sprecare, era guardato quasi come un pezzente … tempi duri.

A me sembra che il risparmio e il riciclo siano invece segni di sensibilità e attenzione verso me stessa e verso tutti. Ogni cosa che consumiamo racchiude in sé energia per produrla, lavoro di chi l’ha accudita, nutrimento … e se viene gettata, produce un rifiuto da trattare e smaltire.

Ecco allora la frittata fatta con le foglie verdi del porro.

Ingredienti per quattro persone:

  • 2 porri, solo la parte verde
  • 5 uova
  • 100 grammi di ricotta
  • 4 cucchiai di parmigiano reggiano grattuggiato
  • 2 “giri” di olio evo
  • Sale

Tempo di preparazione e cottura: 1 ora

Spero sia inutile precisare che la parte bianca dei porri l’avevo usata in precedenza per un’altra preparazione. Le foglie verdi, che sono abbastanza legnose, dopo un attento lavaggio, devono subire un passaggio di alcuni giorni nel freezer: il congelamento ammorbidisce le fibre e le rende commestibili e, soprattutto, digeribili.

Ho recuperato le foglie congelate e le ho tagliate a striscioline, lavoro assai semplice perché si sono ammorbidite subito. Le ho messe in un tegame con l’olio e le ho fatte appassire ancora un po’. A questo punto avrei potuto fare una frittata classica, sul fornello, aggiungendo solo le uova. Io preferisco la cottura nel forno, quindi ho aggiunto, oltre alle uova, ricotta e parmigiano, ho regolato di sale, e ho passato nel forno a 200° per circa 20 minuti.

E appetitosa come la frittata di cipolle, e come la frittata di cipolle è ottima calda, tiepida e fredda.

D’ora in poi del porro butteremo solo le barbe (e forse nemmeno quelle, c’è chi le usa … ma ancora non ho imparato come).

Vi regalo un allegrissimo quadro di JonOne, street artist che ho conosciuto e Parigi e ritrovato a Milano

jonone