Insalata di orzo con rapanelli, nocciole, miele e aceto Balsamico di Modena IGP


insalata tiepida con rapanelli al forno, miele, nocciole, aceto Balsamico di Modena IGP
Orzo tiepido con rapanelli, miele, nocciole e aceto Balsamico di Modena IGP

Avete in frigorifero dei rapanelli un po’ tristi, un po’ passati, e non sapete come recuperarli? Cuoceteli!

E per valorizzarli vi suggerisco questa insolita insalata.

Gli ingredienti sono:

  • 250 grammi di orzo perlato (se usate il decorticato, prevedete anche qualche ora di ammollo)
  • 10 rapanelli circa, lavati e tagliati in quattro parti, o sei se sono grandi
  • 1 bella manciata di nocciole
  • Sale, pepe
  • 1 cucchiaino di miele
  • 4 – 5 cucchiai di olio evo
  • Aceto Balsamico di Modena IGP
  • Tempo di preparazione: 10 minuti
  • Tempo di cottura: 25 – 30 minuti + la cottura dell’orzo
  • Porzioni: 4
  • Difficoltà: bassissima
  • Costo: basso
  • Conservazione: 3 giorni in frigorifero – non si può congelare
  • Il Gusto di non Sprecare: si possono utilizzare i rapanelli meno freschi
  • Primo piatto o antipasto
  • Ricetta vegetariana 

Ho acceso il forno a 200 gradi

Ho distribuito i rapanelli a pezzi sulla teglia del forno, li ho conditi con un filo d’olio evo, sale, pepe, il miele e li ho messi in forno per circa mezz’ora

Intanto ho preparato l’orzo.

Se avete quello perlato, cuocetelo secondo le istruzioni della confezione

Se, come me, avete quello solo decorticato, dopo l’ammollo cuocetelo finchè non è tenero (io l’ho cucinato nella Instant Pot per 20 minuti).

Ho scolato l’orzo e fatto raffreddare un pochino sotto l’acqua corrente. L’ho fatto ben scolare

Ho tritato le nocciole, nel mixer, molto grossolanamente

In una ciotola ho raccolto l’orzo, i rapanelli cotti e aromatizzati, le nocciole, ho condito con olio evo e due giri di aceto Balsamico di Modena IGP.

Un’insalata con una leggera punta dolce, ma molto appetitosa.

Bella nelle tonalità tenui del rosa e del giallo.

Da provare ogni tanto, come primo piatto in famiglia o, in versione monoporzione, come antipasto

 

Vi regalo l’immagine di una magnifica scultura che si trova nel Cimitero Monumentale di Staglieno: La venditrice di noccioline

Grazie a Miss Fletcher che ce ne racconta la storia

 

 

 

Torta salata allo yogourt e alle foglie di rapanello


 

torta salata con foglie di ravanello

Questa torta mi ha riempita di soddisfazione! Quando si acquistano i rapanelli, di solito si pagano a mazzo, e spesso si buttano le foglie. Non questa volta! Ne ho comprati tre mazzi, che avevano foglie freschissime, ben tese, dalla superficie leggermente lanuginosa.
Ho staccato i rapanelli e li ho conservati per consumarli, crudi, in insalata, ma con le foglie ho preparato questo buonissimo, ed economico, piatto.
Gli ingredienti per una teglia del diametro di circa 22 cm.:
3 mazzi di rapanelli, solo le FOGLIE
• 1 rapanello per decorare
• 1 piccola cipolla
• 3 uova
• 2 cucchiai di parmigiano reggiano grattuggiato
• 2 cucchiai di olio evo
• 1 vasetto di yogourt
• Sale
• Semi (di zucca, di girasole …) a piacere
Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 25 minuti

foglie di rapanelloIl procedimento è il solito delle torte salate di verdura: dopo aver ben lavato e tagliuzzato le foglie con il coltello di ceramica, le ho saltate nell’olio con una piccola cipolla affettata finemente, finchè non le ho viste ben appassite. Ho salato durante la cottura.
Ho acceso il forno, statico, a 180°
Ho sbattuto le uova con lo yogourt, il parmigiano, ancora un pochino di sale e i semi (facoltativi, servono a dare un po’ di croccantezza al composto).
Ho aggiunto le foglie di rapanello e la cipolla, mescolando bene.
Ho versato il tutto in una teglia leggermente unta e, con un rapanello affettato, ho disegnato una piccola decorazione – e una nota di colore.
Ho messo in forno finchè la superficie non si è presentata ben dorata e gonfia.
Fidatevi, è molto buona! Le foglie di rapanello hanno un sapore delicato, appena piccante, che rende questa torta un pochino diversa dai solito sapori, senza però rivoluzionarli.
Strategie: Le foglie di rapanello appassiscono in fretta, vanno quindi lavorate al più presto.
L’uso dello yogourt, al posto di un formaggio cremoso, rende questo piatto adatto anche per chi è intollerante al lattosio.
Variazioni sul tema: Per rendere questo piatto ancora più “antispreco”, al posto della cipolla si possono usare le parti più scure di un porro o di un cipollotto.

Il consiglio di lettura è “Sette brevi lezioni di fisica” di Carlo Rovelli. Dopo averlo letto, il mondo comincerà ad apparirvi un po’ diverso

sette brevi lezioni di fisica