Non Sprecare: Crostata alle pesche


crostata pesche nettarine
Crostata alle pesche

Buongiorno e buon Settembre!

Io amo l’estate forse più di ogni altra stagione (forse, ognuna ha il suo bello), ma non c’è dubbio che sia la stagione più ricca per quanto riguarda la tavola. Ne approfitto fino all’ultimo, anche in termini di convenienza, per esempio scegliendo qualcosa che comincia a essere un po’ fuori stagione, e quindi meno costoso.

Com’è il caso delle pesche, e di questa buonissima crostata, che si può preparare con frutta non necessariamente di prima scelta. Anzi! La frutta di prima scelta si mangia fresca per goderne ogni beneficio di gusto e di salute.

Quindi scegliete le pesche meno belle da vedere, ma ottime da mangiare, tagliatele a fettine e preparate questa crostata, che ormai accendere il forno non fa più paura.

La mia ricetta, e altre per sbizzarrirsi, la trovate qui, su Non Sprecare.

Tanto il costume ormai lo abbiamo messo via, giusto? 😉

Non Sprecare: Biscotti frollini profumati all’arancia


frollini profumatissimi all'arancia
frollini all’arancia

La mia riserva di Polvere d’Oro si è arricchita grazie alle squisite, profumatissime arance di Bella Dentro.

Ho preparato questi frollini seguendo un procedimento tanto semplice e veloce quanto preciso. Il risultato è stato perfetto, profumo e morbidezza si sono conservati inalterati per giorni.

Un biscotto che si gusta con lo stesso piacere dalla mattina a colazione alla sera prima di andare a dormire.

La mia ricetta è su Non Sprecare

Crostata al profumo di lavanda


Oggi chiude Euroflora 2018, e per chiudere in bellezza anche i suggerimenti dei “fiori nel piatto”, ecco questa crostata con la pasta frolla profumata alla lavanda.

Un aroma buonissimo, insolito, che sono certa conquisterà tutti, come ha conquistato me.

Gli ingredienti:

  • 200 grammi di farina 0 o 00
  • 2 tuorli d’uovo
  • 100 grammi di burro morbido + pochissimo per ungere il tegame
  • 100 grammi di zucchero
  • 1 vasetto da 125 grammi di marmellata (per me, di more)
  • pizzico di fiori di lavanda tritati – l’equivalente della bustina di vanillina
  • 1 tegame da forno di circa 22 cm. di diametro

Tempo di preparazione: 10 minuti per l’impasto + 30 minuti di riposo + 10 minuti

Tempo di cottura: 25 – 30 minuti

Preparate la pasta frolla montando il burro con lo zucchero, quindi amalgamate i tuorli, infine versate la farina in tre o quattro volte e, con questa, il pizzico di lavanda. Raccogliete l’impasto in una palla, chiudetelo in un sacchetto per alimenti e ponetelo in frigorifero.

Dopo non meno di mezz’ora riprendetelo.

Accendete il forno statico a 180°

Dividete l’impasto in due porzioni, una un pochino più abbondante.

Ungete con il burro il fondo e le pareti del tegame.

Prendete la porzione più abbondante dell’impasto, stendetela in uno strato regolare e posizionatela nel tegame. Per spostarla più facilmente, avvolgetela intorno al mattarello.

Cospargete con la marmellata

Stendete il resto dell’impasto e rifinite la crostata come preferite, con la griglia tradizionale o altre decorazioni a piacere.

Ponete in forno, è pronta quando la pasta appare ben dorata e biscottata.

Lasciate raffreddare un pochino e … sentirete che sapore particolare, delicato, appena un tocco di freschezza che esalta l’aroma della marmellata.

Come preparare la lavanda a uso elementare?

Raccogliete alcun spighe di lavanda in uno spazio protetto e non contaminato, sgranatele e lavate i fiori lasciandoli a bagno in acqua fredda, questo solo per eliminare la polvere.

Scolateli bene e fateli asciugare perfettamente al sole o nel forno di casa a 50 gradi. 

Quando sono perfettamente asciutti, tritateli, ed ecco pronta la polvere di lavanda, da conservare in un vasetto di vetro ben chiuso.