Carote alle nocciole


carote con miele e nocciole

Vi ho parlato del miele e di come viene prodotto magistralmente dalle api.

Spero conveniate che non possiamo considerarlo solo un dolcificante, ma un vero e proprio ingrediente da conoscere bene e da inserire in tanti piatti diversi, non solo dolci.

Un esempio sono queste carote, da preparare con il miele di trifoglio

La mia ricetta è su Non Sprecare. Provatela! Sono anche molto allegre con quel bell’arancione!

Il nettare degli dei: il miele


miele

C’è un solo alimento che, da millenni, non è cambiato, viene prodotto sempre nello stesso modo, secondo le regole della natura: il miele. Sono state trovate incisioni rupestri che illustrano la raccolta de miele in epoche lontanissime, e quello trovato durante gli scavi, nelle tombe dei faraoni d’Egitto, è ancora commestibile oggi.

Ma qual è oggi il rapporto tra apicoltore e api?

Me lo sono fatto raccontare dall’azienda Manfredini, che da oltre trent’anni svolge con passione ed esperienza una fiorente attività di apicoltura e commercio del miele sull’Appennino modenese

Appennino tosco emiliano

Ebbene, si tratta di un rapporto di collaborazione e di reciproco vantaggio. L’ape non viene sfruttata – del resto, come si potrebbe? –  mentre il rapporto con l’uomo garantisce molti vantaggi, mentre il miele prelevato per il consumo è solo quello in esubero rispetto alle esigenze dell’alveare.

Vediamo di capire bene chi sono, allora i protagonisti di questa collaborazione

Cominciamo dalle api, la cui famiglia è composta da una sola Regina, un numero variabile di operaie compreso tra i 500 e i 3000 elementi, e qualche fuco, ovvero i maschi: La Regina e i fuchi vengono al mondo con il solo obiettivo di assicurare la riproduzione dello sciame e se la Regina, con questo compito, può contare su una vita di cinque o sei anni nutrendosi di pappa reale, i fuchi vengono inesorabilmente uccisi all’inizio dell’inverno, quando si chiude la stagione della riproduzione ed il nutrimento scarseggia.

Le api non sono tutte uguali: qui parliamo di quella che vive alle nostre latitudini, piccola e piuttosto docile. La produzione del miele è però diffusa ovunque nel mondo, dai paesi più freddi del nord, dove possono contare su un’ape più piccola e resistente alle basse temperature, fino alle api africane, aggressive e abituate a volare su fioriture dai profumi molto intensi, come il timo.

La stagione riproduttiva dura da primavera a inizio autunno, quando i fiori sono abbondanti e ricchi di polline, la materia prima per produrre il miele. Appena si avvicina l’inverno i fuchi, come abbiamo detto, vengono uccisi senza tanti complimenti, l’ape Regina va a riposo con tutto lo sciame, che sopravvive grazie al miele immagazzinato nei mesi precedenti. Non esistono alternative a questo percorso, non si possono fare forzature né condizionare in qualche modo i piccoli insetti, quindi la parte di miele destinato all’apicoltore è quello in eccedenza, quello che alle api non serve per la sopravvivenza.

arnie sull'appennino modenese

Le api sono in grado di regolarsi e adattarsi alle dimensioni dell’alveare: nel caso il loro numero diventasse troppo alto, e l’alveare troppo affollato, la loro perfetta società sceglie un’altra Regina, più giovane e più fertile, e la regina vecchia è costretta a sciamare, con una parte delle api, verso altri rifugi.

E in questa perfetta organizzazione, l’apicoltore (o l’apicoltrice, ce ne sono moltissime) si inserisce preparando le arnie, allestendo i telai ben puliti per la raccolta del miele, e in questo modo offrendo un rifugio sicuro anche ai gruppi di individui costretti a sciamare. Le arnie possono essere addirittura coibentate, in caso di inverni molto rigidi

Ci possono essere momenti critici per l’alveare, momenti in cui l’intervento dell’apicoltore diventa risolutivo per la vita delle api. Primavere particolarmente fredde, con qualche nevicata, azzerano le fioriture e la mano dell’uomo provvede nutrendo le api dall’esterno. L’alveare ha un potente nemico nella Verroa, un acaro parassita molto aggressivo, sul quale l’apicoltore interviene con medicinali appropriati.

Quindi l’uomo riscalda, nutre, cura e protegge questi piccoli animali, fondamentali per il nostro benessere, e si limita a usare il miele prodotto in eccesso, quello che alle api non serve.

La produzione di diversi tipi di miele avviene spostando le api in una zona dove c’è una forte concentrazione di una certa pianta nel momento della massima fioritura.

L’apicoltore si dedica infine alla smielatura recuperando i telai e centrifugandoli in un’apposita macchina: in questo modo il miele si stacca e si raccoglie in modo semplice e meccanico. In qualche paese del mondo meno avanzato si adoperano ancora sistemi arretrati come l’affumicatura, che fa fuggire le api e lascia campo libero alla raccolta.

L’Italia è il paese del mondo dove si produce la più vasta varietà di miele. Si può approfittare dei rododendri sulle Alpi piemontesi fino ai profumatissimi agrumi della Sicilia, si produce miele di rosmarino, un arbusto che vive quasi senz’acqua, e miele di corbezzolo, esclusivo della Sardegna, e via con tutte le altre varietà

Infine, una curiosità che ci rende l’ape ancora più simpatica: durante l’inverno questi animaletti si raccolgono in un glomere, ben strette tra loro e, sbattendo incessantemente le ali, scaldano l’ambiente mantenendolo a una temperatura costante e temperata. Sono molto simpatiche!

https://www.manfrediniapicoltura.it/

 

Non Sprecare: Zuppa di fave con il miele


zuppa di fave con il miele

Ora che incomincia il freddo, volete assaggiare una zuppa un po’ insolita, ingentilita (ma non dolcificata) dall’aggiunta del miele?

Quest’ultimo è, infatti, un ottimo alleato contro i disturbi della stagione piovosa e fresca a cui andiamo incontro.

I mieli hanno sapori molto diversi secondo il fiore di provenienza, ed è importante scegliere quello giusto da abbinare.

Non avete il miele di girasole? Potete sostituirlo con quello di trifoglio, o di melata di bosco. Vi sembrano insoliti? Beh, allora approfittate dell’occasione per conoscerli meglio. Ve ne parlerò presto.

Se intanto siete curiosi di assaggiare questa zuppa (da fare anche con le fave secche, in mancanza di quelle fresche o congelate), trovate la mia ricetta su Non Sprecare

20 Maggio: Giornata Mondiale delle Api


Giornata mondiale delle api
Immagine dal web
Arrivo un po’ tardi, ma arrivo! E vi ricordo che oggi, 20 maggio, è la giornata mondiale dedicata alle api.
Istituita dalle Nazioni Unite nel 2017, questo momento ci porta a riflettere sul valore di questi straordinari impollinatori, attivi sulla maggior parte delle colture da cui deriva il nostro nutrimento.
Le api sono importanti anche per il mantenimento della biodiversità e per l’economia, visto quanti sono i meravigliosi prodotti che ci preparano.
Prodotti che, quest’anno, a causa di questa primavera che stenta così tanto ad arrivare, pare saranno molto meno del solito: le api non trovano polline e altri alimenti, e per sopravvivere mangiano il miele che producono. E hanno ragione, per carità, ma ovviamente il danno è importante.
Cerchiamo quindi di fare scelte giuste, nel rispetto di questo piccolo e simpatico animale: pungono, ma solo se davvero disturbate, altrimenti si preoccupano solo di volare da un fiore all’altro.
Una piccola curiosità: la data del 20 maggio è stata scelta perchè coincide con la data di nascita di Anton Janša che nel XVIII secolo fu un pioniere delle tecniche di apicoltura moderne nel suo paese natale, la Slovenia, il paese che ha proposto questa giornata.

 

 

 

Giornata Mondiale delle Api


World Bee Day

Grazie a Laurin42 che ci informa su questa importante scadenza appena istituita e ci regala questo articolo, interessante e approfondito

(ho volutamente lasciato il testo in originale anche se è passato qualche giorno)

Le api sono fondamentali per la nostra sopravvivenza eppure, a causa dell’impatto umano, rischiano di scomparire.

Da oltre trenta milioni di anni le api svolgono un servizio ecosistemico essenziale aiutando i fiori a espandere il proprio areale e a riprodursi.

Oltre che alla sopravvivenza di molte specie vegetali, questi incredibili insetti sono necessari per la sopravvivenza della nostra specie, contribuendo in maniera decisiva alla sicurezza alimentare globale.

Oltre due terzi delle colture utilizzate per la nutrizione umana sono infatti impollinati dalle api, le quali svolgerebbero inoltre un ruolo attivo nel mantenimento della biodiversità e nel ripristino delle aree prossime alla desertificazione.

Le api, considerate oggi dei super-organismi, potrebbero perfino aiutarci nella comprensione del nostro cervello.

I motivi per proteggere queste piccole e laboriose creature (anche se ovviamente la conservazione della natura dovrebbe prescindere da ragionamenti utilitaristici) sono dunque molteplici.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza delle api e chiedere azioni concrete per la loro tutela, si celebra il 20 maggio la Giornata mondiale delle api.

La giornata è stata istituita dalle Nazioni Unite lo scorso 20 dicembre e si festeggia per la prima volta il 20 Maggio 2018.

La giornata verrà celebrata in oltre 115 nazioni, il merito è però soprattutto della Slovenia, e in particolare della Federazione slovena degli Apicoltori, che ha sollecitato l’Onu per il riconoscimento ufficiale della giornata.

Il governo sloveno è in prima linea nella lotta per la salvaguardia delle api, non a caso è stato il primo, nel 2011, a vietare l’uso di pesticidi sul territorio nazionale. L’apicoltura è un’attività molto radicata nella cultura slovena, si stima che ogni 10mila sloveni 200 abbiano un’attività di apicoltura. La tradizione vuole che ogni apicoltore personalizzi la propria arnia di legno con motivi tipici del folklore sloveno.

La scelta della data in cui si celebra la Giornata mondiale delle api non è casuale.

Mentre nell’emisfero boreale maggio è il mese centrale per l’impollinazione, nell’emisfero australe corrisponde alla produzione del miele e poi della lavorazione dei suoi derivati.

Inoltre uno dei primi pionieri della moderna apicultura, lo sloveno Anton Janša (1734–1773), è nato proprio il 20 Maggio.

Tra i maggiori esperti della sua epoca. Tanto che quando l’imperatrice Maria Teresa fondò la prima scuola di apicoltura lo nominò direttore.

In appena trenta anni, dal 1980 al 2010, la popolazione mondiale di api e vespe si è ridotta del 36 per cento.

Le api sono minacciate soprattutto dai prodotti chimici utilizzati in agricoltura, come pesticidi e insetticidi. In particolare il pericolo principale è rappresentato da una famiglia di insetticidi, i neonicotinoidi che riducono olfatto, memoria e senso dell’orientamento delle api.

Per combattere questo pericolo nel 2013 l’Unione europea ha vietato l’uso di tre pesticidi particolarmente nocivi, ma le misure adottate sono ancora insufficienti. Altri pericoli sono l’indebolimento del loro sistema immunitario, i cambiamenti climatici, la perdita di habitat e l’aumento delle monocolture che determinano mancanza di risorse mellifere.

In occasione della Giornata mondiale sono state organizzate numerose iniziative per approfondire la conoscenza di questi animali.

In Slovenia, che ha perfino coniato una moneta da due euro raffigurante un alveare, sarà possibile partecipare a conferenze, visite guidate e laboratori per grandi e piccini.

Anche in Italia sono stati organizzati numerosi eventi come la degustazione di mieli e attività ludiche e didattiche. Il parco dell’Aveto, in Liguria, ha organizzato una visita all’apiario didattico di Corerallo, mentre all’oasi del Bosco di S. Silvestro di Caserta sono previsti incontri con gli apicoltori, degustazioni e laboratori.

Con l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), la Fao ha anche sviluppato il Codice di condotta internazionale sulla gestione dei pesticidi.

Coldiretti: “Verificare l’origine in etichetta per garantire un futuro alle api italiane” –

Gli effetti del clima, rileva l’associazione agricola, aggravano il già pesante deficit registrato nel 2017 quando la produzione di miele Made in Italy è risultata pari a circa 10 milioni di chili, uno dei risultati peggiori della storia dell’apicoltura moderna.  In media una singola ape, precisa l’associazione, visita circa 7000 fiori al giorno e ci vogliono quattro milioni di visite per produrre un chilogrammo di miele.

In Italia, spiega la Coldiretti, esistono più di 50 varietà di miele e ce ne sono tre a denominazione di origine riconosciuti dall’Unione Europea: il miele della Lunigiana Dop, quello delle Dolomiti Bellunesi Dop e quello Varesino Dop.

Per non cadere nell’inganno dei prodotti stranieri spacciati per nazionali “e garantire un futuro alle api italiane” il consiglio della Coldiretti è di verificare l’origine in etichetta, dove la parola Italia deve essere obbligatoriamente presente se il miele è raccolto interamente sul territorio nazionale. In alternativa ci si può rivolgere direttamente ai produttori.

 

“ Sic vos non vobis mellificatis apes! “ Virgilio

Mousse al cioccolato e liquirizia – reblog


Ilaria è una deliziosa ragazza che studia Lingue Orientali all’Università di Napoli, bellissima, sempre sorridente, e bravissima in cucina

Il suo blog, La Piccola Quaglia, è il capitolo successivo a Ricette da Coinquiline, gestito con l’amica Antonietta

Prendo in prestito da Ilaria questa ricetta per tre motivi:

  • si può riciclare il cioccolato delle uova di Pasqua
  • c’è la liquirizia, che anch’io ho usato da poco, in un’altra ricetta
  • Ilaria ha lanciato il primo Contest del suo blog, al quale vi invito a partecipare

Ecco la ricetta (e se volete l’originale, leggete qui):

Ingredienti: x16 cm di teglia

Per la base:

  • 100 gr di mandorle
  • 50 gr di farina di cocco
  • 2 cucchiai di miele

Per la mousse:

  • 200 gr di polpa di avocado maturo
  • 150 gr di cioccolato fondente (il mio al 50%)
  • 2 cucchiai di cacao amaro
  • 1 cucchiaio di polvere di liquirizia
  • 5 cucchiai di miele
  • 100 ml di latte (di mandorle o di riso)
  • 100 ml di acqua

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di riposo: 12 ore +

Preparazione:

La base:

Foderate il vostro stampo con della carta forno. Se avete uno stampo a cerniera, potete usare il nostro solito metodo di mettere della carta forno sul fondo, chiudere e creare un cerchietto, foderando prima tutta la parte della cerniera con della pellicola da cucina. Se non lo avete (come nel nostro caso), potete usare le carta forno, bagnare il fondo della tortiera e, con molta pazienza, far aderire la carta forno su tutti i bordi, creando una sorta di cono cilindrico che sarà facile da estrarre successivamente.

Frullate le mandorle fino a ridurle in pezzi abbastanza piccoli. Versate in una ciotola e unite il cocco e il miele, mescolando con il cucchiaio che avete usato per unire il miele. Fatta questa operazione, stendete per bene l’impasto sul fondo della tortiera, in modo da creare uno strato uniforme. Mettete in frigo ad addensarsi.

Per la mousse al cioccolato:

Sciogliete a bagnomaria la cioccolata con 100 ml di latte, 100 ml di acqua e 5 cucchiai di miele. Nel frattempo, tagliate a metà l’avocado e svuotatelo con un cucchiaio in un frullatore e mixatelo fino ad ottenere una crema bella liscia (altrimenti con la cioccolata finirà di frullarsi, no problem). Lasciate raffreddare per qualche minuto la cioccolata così ottenuta in precedenza e, nel frattempo, aggiungete al vostro composto di avocado 2 cucchiai di cacao amaro in polvere. Versate anche il cioccolato liquido e poi frullate il tutto fino ad ottenere un risultato omogeneo, denso e cremoso. Rovesciate dunque nella tortiera e spalmate per bene. Rimettete in frigo per tutta la notte.

Un’ora prima di servire, potete mettere in frigo per rendere il tutto più stabile. Tagliate con un coltello dalla lama liscia, bagnato con dell’acqua e servite 😀

http://amzn.to/2HcjZWd https://bitly.com/#