Crostata al profumo di lavanda


Oggi chiude Euroflora 2018, e per chiudere in bellezza anche i suggerimenti dei “fiori nel piatto”, ecco questa crostata con la pasta frolla profumata alla lavanda.

Un aroma buonissimo, insolito, che sono certa conquisterà tutti, come ha conquistato me.

Gli ingredienti:

  • 200 grammi di farina 0 o 00
  • 2 tuorli d’uovo
  • 100 grammi di burro morbido + pochissimo per ungere il tegame
  • 100 grammi di zucchero
  • 1 vasetto da 125 grammi di marmellata (per me, di more)
  • pizzico di fiori di lavanda tritati – l’equivalente della bustina di vanillina
  • 1 tegame da forno di circa 22 cm. di diametro

Tempo di preparazione: 10 minuti per l’impasto + 30 minuti di riposo + 10 minuti

Tempo di cottura: 25 – 30 minuti

Preparate la pasta frolla montando il burro con lo zucchero, quindi amalgamate i tuorli, infine versate la farina in tre o quattro volte e, con questa, il pizzico di lavanda. Raccogliete l’impasto in una palla, chiudetelo in un sacchetto per alimenti e ponetelo in frigorifero.

Dopo non meno di mezz’ora riprendetelo.

Accendete il forno statico a 180°

Dividete l’impasto in due porzioni, una un pochino più abbondante.

Ungete con il burro il fondo e le pareti del tegame.

Prendete la porzione più abbondante dell’impasto, stendetela in uno strato regolare e posizionatela nel tegame. Per spostarla più facilmente, avvolgetela intorno al mattarello.

Cospargete con la marmellata

Stendete il resto dell’impasto e rifinite la crostata come preferite, con la griglia tradizionale o altre decorazioni a piacere.

Ponete in forno, è pronta quando la pasta appare ben dorata e biscottata.

Lasciate raffreddare un pochino e … sentirete che sapore particolare, delicato, appena un tocco di freschezza che esalta l’aroma della marmellata.

Come preparare la lavanda a uso elementare?

Raccogliete alcun spighe di lavanda in uno spazio protetto e non contaminato, sgranatele e lavate i fiori lasciandoli a bagno in acqua fredda, questo solo per eliminare la polvere.

Scolateli bene e fateli asciugare perfettamente al sole o nel forno di casa a 50 gradi. 

Quando sono perfettamente asciutti, tritateli, ed ecco pronta la polvere di lavanda, da conservare in un vasetto di vetro ben chiuso.

 

La Crostata


crostata1

Ecco una torta super classica, adatta più a colazioni e merende che per fine pasto, e che di solito piace a tutti. Si presta a infinite decorazioni, ma la ricetta classica, con la marmellata, è quella più semplice, quindi più gradita, e meno deperibile se avanza.

Gli ingredienti per la pasta frolla sono:

  • 150 gr. di burro
  • 150 gr. di zucchero
  • 3 tuorli d’uovo (con i bianchi un altro giorno faremo le meringhe)
  • 300 gr. di farina
  • 1 bustina di vanillina

Per decorare, marmellata, anche di diversa qualità e colore.

Tempo di preparazione: 15 minuti + la decorazione

Tempo di cottura: 30-40 minuti

Semplicemente, impastate rapidamente il burro ammorbidito con lo zucchero, aggiungete i tuorli, un pizzico di sale, e infine la farina con la vanillina. Se usate l’impastatrice incominciate con gli ingredienti più asciutti (farina e zucchero) poi burro e tuorli. Impastate pochissimo, il minimo indispensabile, così la pasta vi resterà bella croccante. Se il risultato finale fosse un po’ troppo morbido (può capitare, i tuorli non sono tutti uguali) mettete l’impasto per una mezz’ora in frigo, altrimenti procedete subito a preparare la torta.

Ungete con un velo di burro il fondo di un tegame, stendete con le dita poco più di metà della pasta, aggiustando dove dovesse rompersi. Non fate un lavoro troppo preciso, intanto verrà tutto coperto con la marmellata, che stenderete subito sopra. Con la pasta avanzata preparate la griglia tridizionale, oppure divertitevi a fare decorazioni diverse a libera ispirazione, il risultato non cambia. Riservate una strisciolina di pasta da far correre lungo il bordo, per dare alla torta un aspetto finito e più ordinato. Infornate in forno già caldo a 200°, e sarà pronta quando la pasta risulterà di un bel colore biscottato. Fatela raffreddare un po’ prima di mangiarla, intanto perché la marmellata appena sfornata ha temperatura da fusione nucleare, e poi perché così non si sbriciola e si possono tagliare delle belle fette regolari.

Fatevi una bella tazza di tè e chiamate i bambini.

Variazioni sul tema: come vedete nelle foto, potete divertirvi a colorarla usando marmellate differenti, crema di cioccolato, frutta secca  … e così farete fuori eventuali fondi avanzati.

Vini: Ormeasco o Brachetto

crostata2

Questo acrilico di Stefano Paci si chiama “Marmellata di dramma”

marmellata di dramma stefano paci