16 Ottobre: Giornata Mondiale dell’Alimentazione


Oggi, 16 Ottobre, è la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, che quest’anno ha come tema “Un’alimentazione sana per un mondo a Fame Zero”.

Viviamo infatti questo paradosso: 820 milioni di persone soffrono di denutrizione, non hanno regolarmente da mangiare, non ne hanno abbastanza in termini di quantità e di proprietà nutritive. La proporzione dice una persona su otto. Guardiamoci intorno, facciamo presto a contare otto persone e a pensarne una affamata.

Nello stesso tempo, quasi altrettante persone sono obese, e fra queste ci sono 124 milioni di giovani tra i 5 e i 19 anni, e 40 milioni di bambini sotto i 5 anni. Non sono obese perché mangiano troppo, ma perché mangiano male: sono spesso costretti a preferire il cosiddetto “cibo spazzatura”, che costa poco, riempie lo stomaco, ma non nutre in modo corretto.

 

La dieta mediterranea rimane un punto di riferimento stabile per impostare un programma nutrizionale ricco, completo e sicuro: del resto, noi siamo quello che mangiamo, e mangiare bene vuol dire volersi bene.

In questo quadro, la prima arma che tutti abbiamo in mano e che possiamo usare con intelligenza è profitto è il contrasto allo spreco alimentare, e permettetemi un moto d’orgoglio per aver sempre saputo rispettare il cibo, fonte di vita.

 

7 Giugno 2019: Prima Giornata Mondiale Onu della Salubrità Alimentare


Nell’affollato calendario dedicato alle giornate mondiali, oggi si affaccia una novità: la Prima Giornata Mondiale Onu della Salubrità Alimentare
L’agenzia Ansa di oggi, dedicata all’argomento, spiega:
“… perché il tema della salubrità alimentare riguarda tutti e contribuisce alla sicurezza alimentare, alla salute umana, alla prosperità economica, all’agricoltura, all’accesso ai mercati, al turismo e allo sviluppo sostenibile. “Non ci può essere sicurezza alimentare – ha osservato il Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva – senza salubrità alimentare”.
Ogni anno, spiega la Fao in una nota, nel mondo quasi una persona su dieci (circa 600 milioni di persone) si ammala e 420.000 muoiono dopo aver mangiato cibo contaminato da batteri, virus, parassiti o sostanze chimiche. Il cibo non sicuro ostacola inoltre lo sviluppo in molte economie a basso e medio reddito, che perdono circa 95 miliardi di dollari in produttività in seguito a malattie, disabilità e morte prematura dei lavoratori. L’ONU ha incaricato due delle sue agenzie, l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) di gestire gli sforzi per promuovere la salubrità alimentare in tutto il mondo. La FAO e l’OMS hanno unito le loro forze per aiutare i Paesi a prevenire, gestire e reagire ai rischi lungo la filiera alimentare, collaborando con produttori e rivenditori di alimenti, autorità di regolamentazione e interlocutori della società civile, sia per gli alimenti prodotti localmente che per quelli importati.

Le buone notizie sono due:
la prima riguarda il livello di attenzione alla sicurezza alimentare da parte di italiani ed europei: è alta, e questo ci fa ben sperare quando dobbiamo fidarci del cibo preparato da altri, quali ristoranti, bar, gastronomie
la seconda è che qui, su questo blog (e naturalmente non solo qui!) trovate tante ricette di autoproduzione, e chi fa da sé fa per tre, anche per la salubrità alimentare.

Giornata Mondiale delle Api


World Bee Day

Grazie a Laurin42 che ci informa su questa importante scadenza appena istituita e ci regala questo articolo, interessante e approfondito

(ho volutamente lasciato il testo in originale anche se è passato qualche giorno)

Le api sono fondamentali per la nostra sopravvivenza eppure, a causa dell’impatto umano, rischiano di scomparire.

Da oltre trenta milioni di anni le api svolgono un servizio ecosistemico essenziale aiutando i fiori a espandere il proprio areale e a riprodursi.

Oltre che alla sopravvivenza di molte specie vegetali, questi incredibili insetti sono necessari per la sopravvivenza della nostra specie, contribuendo in maniera decisiva alla sicurezza alimentare globale.

Oltre due terzi delle colture utilizzate per la nutrizione umana sono infatti impollinati dalle api, le quali svolgerebbero inoltre un ruolo attivo nel mantenimento della biodiversità e nel ripristino delle aree prossime alla desertificazione.

Le api, considerate oggi dei super-organismi, potrebbero perfino aiutarci nella comprensione del nostro cervello.

I motivi per proteggere queste piccole e laboriose creature (anche se ovviamente la conservazione della natura dovrebbe prescindere da ragionamenti utilitaristici) sono dunque molteplici.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza delle api e chiedere azioni concrete per la loro tutela, si celebra il 20 maggio la Giornata mondiale delle api.

La giornata è stata istituita dalle Nazioni Unite lo scorso 20 dicembre e si festeggia per la prima volta il 20 Maggio 2018.

La giornata verrà celebrata in oltre 115 nazioni, il merito è però soprattutto della Slovenia, e in particolare della Federazione slovena degli Apicoltori, che ha sollecitato l’Onu per il riconoscimento ufficiale della giornata.

Il governo sloveno è in prima linea nella lotta per la salvaguardia delle api, non a caso è stato il primo, nel 2011, a vietare l’uso di pesticidi sul territorio nazionale. L’apicoltura è un’attività molto radicata nella cultura slovena, si stima che ogni 10mila sloveni 200 abbiano un’attività di apicoltura. La tradizione vuole che ogni apicoltore personalizzi la propria arnia di legno con motivi tipici del folklore sloveno.

La scelta della data in cui si celebra la Giornata mondiale delle api non è casuale.

Mentre nell’emisfero boreale maggio è il mese centrale per l’impollinazione, nell’emisfero australe corrisponde alla produzione del miele e poi della lavorazione dei suoi derivati.

Inoltre uno dei primi pionieri della moderna apicultura, lo sloveno Anton Janša (1734–1773), è nato proprio il 20 Maggio.

Tra i maggiori esperti della sua epoca. Tanto che quando l’imperatrice Maria Teresa fondò la prima scuola di apicoltura lo nominò direttore.

In appena trenta anni, dal 1980 al 2010, la popolazione mondiale di api e vespe si è ridotta del 36 per cento.

Le api sono minacciate soprattutto dai prodotti chimici utilizzati in agricoltura, come pesticidi e insetticidi. In particolare il pericolo principale è rappresentato da una famiglia di insetticidi, i neonicotinoidi che riducono olfatto, memoria e senso dell’orientamento delle api.

Per combattere questo pericolo nel 2013 l’Unione europea ha vietato l’uso di tre pesticidi particolarmente nocivi, ma le misure adottate sono ancora insufficienti. Altri pericoli sono l’indebolimento del loro sistema immunitario, i cambiamenti climatici, la perdita di habitat e l’aumento delle monocolture che determinano mancanza di risorse mellifere.

In occasione della Giornata mondiale sono state organizzate numerose iniziative per approfondire la conoscenza di questi animali.

In Slovenia, che ha perfino coniato una moneta da due euro raffigurante un alveare, sarà possibile partecipare a conferenze, visite guidate e laboratori per grandi e piccini.

Anche in Italia sono stati organizzati numerosi eventi come la degustazione di mieli e attività ludiche e didattiche. Il parco dell’Aveto, in Liguria, ha organizzato una visita all’apiario didattico di Corerallo, mentre all’oasi del Bosco di S. Silvestro di Caserta sono previsti incontri con gli apicoltori, degustazioni e laboratori.

Con l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), la Fao ha anche sviluppato il Codice di condotta internazionale sulla gestione dei pesticidi.

Coldiretti: “Verificare l’origine in etichetta per garantire un futuro alle api italiane” –

Gli effetti del clima, rileva l’associazione agricola, aggravano il già pesante deficit registrato nel 2017 quando la produzione di miele Made in Italy è risultata pari a circa 10 milioni di chili, uno dei risultati peggiori della storia dell’apicoltura moderna.  In media una singola ape, precisa l’associazione, visita circa 7000 fiori al giorno e ci vogliono quattro milioni di visite per produrre un chilogrammo di miele.

In Italia, spiega la Coldiretti, esistono più di 50 varietà di miele e ce ne sono tre a denominazione di origine riconosciuti dall’Unione Europea: il miele della Lunigiana Dop, quello delle Dolomiti Bellunesi Dop e quello Varesino Dop.

Per non cadere nell’inganno dei prodotti stranieri spacciati per nazionali “e garantire un futuro alle api italiane” il consiglio della Coldiretti è di verificare l’origine in etichetta, dove la parola Italia deve essere obbligatoriamente presente se il miele è raccolto interamente sul territorio nazionale. In alternativa ci si può rivolgere direttamente ai produttori.

 

“ Sic vos non vobis mellificatis apes! “ Virgilio