Sfogliata con pomodori e olive


Le torte salate sono sempre comode e utili. Ogni volta che mi arriva un’idea o un suggerimento, mi precipito a prepararla.
Avevo anche un piccolo avanzo di pasta per torte salate, ed è finita così.

Gli ingredienti:

Pasta base preparata con 100 grammi di farina, 1 cucchiaio di olio, 1 pizzico di sale
• 2 cipollotti rossi di Tropea
• ½ chilo di pomodorini
• 1 dozzina circa di olive nere, meglio snocciolate
• Qualche foglia di basilico
• 4 cucchiai di olio evo
• Sale
• 1 teglia da forno da circa 22-24 cm. di diametro

Tempo di preparazione: 20 minuti (con la pasta già pronta)
Tempo di cottura: 20 minuti

Pulite i cipollotti, conservando quanto più gambo possibile, tagliateli a spicchietti, metteteli in una padella antiaderente con l’olio e rosolateli a fuoco dolce per sette, otto minuti. Salate durante la cottura per far uscire l’acqua di vegetazione, così i cipollotti resteranno più morbidi.
Intanto lavate i pomodorini, tagliateli a metà e uniteli ai cipollotti. Salate leggermente, fate insaporire bene tutto insieme, spegnete il fuoco e profumate con le foglie di basilico.
Aggiungete le olive e mescolate bene.
Accendete il forno statico a 180°
Tirate la sfoglia molto sottile e adagiatela nella teglia leggermente unta.
Riempitela con il composto di versure, livellate e distribuite bene, passate in forno per almeno 20 minuti.
È pronta quando la pasta si presenta ben dorata e croccante
Servitela tiepida o fredda.

Questa torta salata è molto leggera, quindi può essere proposta come antipasto o come spuntino durante l’aperitivo.

Strategie: potete preparare il ripieno in anticipo, e assemblare tutto al momento di cuocerla
Variazioni sul tema: se cercate invece un piatto più robusto, completate il ripieno con mozzarella o altro formaggio, meglio se filante, a piacere. In questo caso servite la torta calda. Se non avete i pomodorini, usate i pomodori che avete, tagliati a pezzetti.

Angolo ad …

Salmone alla peruviana


salmone cipolla e cannellini

Ho assaggiato questo piatto tempo fa in casa di amici, e mi è stato presentato come una specialità sudamericana. Siccome non sono mai stata in Sud America, ho realizzato in quel momento di non conoscerne la cucina, nemmeno per sentito dire. E’ il momento di cominciare.

Ricetta facile e veloce, come un po’ tutte le mie, e adatta alla stagione calda alla quale, per adesso in teoria, stiamo andando incontro.

Gli ingredienti per 4 persone:

  • 3 tranci di salmone
  • 2 piccole cipolle di Tropea
  • 2 lime
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 peperoncino
  • Qualche cucchiaio di olio evo
  • Sale, pepe
  • 1 scatola di fagioli cannellini già lessati (facoltativi)

Tempo di preparazione: 10 minuti + la marinatura

Diciamo subito che, per questo piatto, il succo di lime è indispensabile, e non può essere sostituito con il più consueto limone. Il lime è più morbido, meno aspro, e non maschera il sapore del pesce.

Quindi, ho spremuto i due lime, ho tagliato il salmone a tocchetti, ho messo pesce e succo in una ciotola e ho lasciato riposare tutto per un quarto d’ora circa.

Nel frattempo ho affettato finemente la cipolla e l’ho messa a bagno in acqua fredda, ho tritato l’aglio, privato dell’anima, con il peperoncino.

Ho scolato il salmone, l’ho condito con l’olio, il trito fine di aglio e peperoncino e la cipolla ben scolata.

Ho aggiunto i cannellini solo per rendere il piatto un po’ più ricco e un po’ più sudamericano.

Ho preparato questa ricetta qualche tempo fa, e ho scelto il salmone perché la stagione era ancora un po’ troppo precoce per avere una buona scelta di pesce dei nostri mari. Sul salmone ho opinioni discontinue: da un lato è un ottimo pesce dal punto di vista nutrizionale, ricco di Omega3 e altre sostante positive per la salute; per contro, si tratta di un pesce sempre importato, che quindi rientra in un mercato non sostenibile.

Detto questo, non trovo giusto neanche essere integralista, quindi ogni tanto ci sta anche un po’ di salmone.

Strategie: I miei 15 minuti di marinatura possono essere insufficienti per qualcuno, il pesce può rimanere nel succo di lime anche più tempo, fino a un’ora, secondo il gusto personale.

Variazioni sul tema: Con l’estate, vorrei provare (e suggerisco) la stessa ricetta con il pesce fresco dei nostri mari, dal pesce spada, al branzino o all’orata, fino ai gamberi, sostituendo i fagioli con una fresca insalata.

Vino: Ribolla gialla

Luis Egidio Meléndez – Natura morta con salmone e limone

Melandez_salmone