Il Gusto di non Sprecare: Pasta e cavolfiore


 

Nel mio e-book “Il Gusto di non Sprecare” c’è una rubrica che suggerisce come utilizzare piccole quantità avanzate degli alimenti, di modo da valorizzarle, renderle protagoniste.

Tra le tante voci, ho scelto questa gustosissima pasta. Provatela, e farete avanzare il cavolfiore apposta 😉

 

 

Pasta e cavolfiore

Gli ingredienti:

  • 280 grammi di pasta
  • ½ cavolfiore di media grandezza, già lessato
  • 4 acciughe sotto sale
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 1 peperoncino
  • 5 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • Sale

Tempo di preparazione e cottura: quello necessario per portare a bollore l’acqua della pasta e cuocerla

 – Ricetta senza lattosio

L’aspetto di questa pasta è, obiettivamente, un po’ anemico. Per forza, gli ingredienti sono tutti bianchi! Non lasciatevi ingannare, il sapore non lo è affatto. In più, qui il cavolfiore perde un po’ del suo gusto intenso, non a tutti gradito, e si trasforma in una salsa cremosa e ricca.

Con il cavolfiore già pronto e lessato, l’esecuzione è davvero veloce.

Mettete sul fuoco l’acqua della pasta, salata.

Sciacquate le acciughe eliminando le spine e trasferitele in un tegame. Aggiungete l’olio e fate scaldare il tutto, rimescolando.

Questo piccolo trucco, ovvero scaldare insieme sia il grasso (l’olio) che l’acqua (le acciughe bagnate) permette di evitare antipatici schizzi fuori dalla pentola, e vale in ogni occasione.

Una volta che le acciughe si sono sciolte bene, aggiungete il peperoncino e i pinoli, e fate andare qualche minuto, a fuoco abbastanza dolce, perché i pinoli devono tostarsi e non bruciarsi.

Infine mettete il cavolfiore lessato e, con delicatezza, rimescolando, fatelo insaporire bene. Con l’aiuto di una forchetta, schiacciate le cimette, in modo da ridurre il tutto a una crema leggermente granulosa. Infine, aggiungete il pangrattato e, rimescolando, amalgamate bene tutto.

Nel frattempo cuocete la pasta, scolatela, trasferitela nel tegame e insaporitela per un minuto nel condimento.

Pronta: bella calda, leggermente piccante, saporitissima. Non ne avanza, e piace moltissimo anche ai bambini.

Pasta con cavolfiore, acciughe, pinoli
Pasta e cavolfiore

Il Gusto di non Sprecare è disponibile per Amazon e Kobo

 

Il gusto di non sprecare: Crema di verdura


Nel libro “Il gusto di non sprecare” ho cercato di fare il punto sulla situazione dello spreco del cibo: come si faceva una volta, come mai si è arrivati, in pochi anni, a sprecare così tanto.
Ho poi illustrato il mio consolidato metodo di lavoro, grazie al quale riesco a non sprecare nulla e utilizzare quasi tutto della mia spesa alimentare.
Non mancano, naturalmente, le ricette.
Nella tradizione italiana le idee per riutilizzare quanto avanzato sono tantissime.
Io ho voluto suggerire piatti un po’ diversi, non solo buoni, ma anche di bella presentazione, da preparare sia per la famiglia che per quando si hanno ospiti.
Una delle ricette più semplici e insieme più efficaci, per risultato e per resa, è questa crema di verdura. Preparata con le parti più dure e fibrose dei vegetali, che spesso vengono gettate, dà un risultato perfetto.

Crema di verdura

Ingredienti indicativi:
• Foglie esterne dei finocchi
• Coste dure del sedano
• Torsoli di cavolfiori e broccoli
• Estremità degli asparagi
• 2 patate

Tempo di preparazione e cottura: 30 minuti

Ricetta vegetariana e vegana
Senza glutine
Senza lattosio

Dopo aver letto questa ricetta, non butterete più le foglie esterne e dure dei finocchi, i torsoli di broccoli e cavolfiori, le estremità più dure degli asparagi, i gambi del sedano.
Tutto questo “scarto”, peraltro pagato, diventa ingrediente di deliziose creme di verdura, che si possono preparare sia mescolando più sapori, che privilegiandone uno, per un risultato più raffinato.
L’unica attenzione richiesta è quella di congelare per qualche giorno le verdure stesse, in modo che il freddo ammorbidisca le fibre e renda la cottura più veloce, e la digestione più semplice.
Fatto questo, è sufficiente cuocere la verdura in acqua, con l’aggiunta di una patata o due, necessaria per dare cremosità, e un po’ di sale. A cottura ultimata, si frulla con il frullatore a immersione, oppure si passa con il passaverdura, e si serve.
Avrete una minestrina deliziosa così, leggerissima e corroborante, che si può arricchire con qualche crostino, qualche sorso di latte o panna, oppure (ottimo!) sciogliendo nel liquido un paio di cucchiai di formaggio cremoso.

 

Cavolfiore gratinato


cavolfiore gratinato.PNG

Cavoli, cavolfiore, cavolini e cavoletti fanno molto bene, ormai lo abbiamo imparato tutti. A me, personalmente, piacciono il giusto, cerco sempre qualche alternativa per mitigarne un po’ il sapore deciso.
Questa versione del cavolfiore al gratin non ne altera la leggerezza, e lo rende molto appetitoso.
Gli ingredienti:
1 cavolfiore di medie dimensioni
• 4 filetti di acciuga (o 2 acciughe sotto sale)
• 1 piccola manciata di prezzemolo
• 1 manciata di pinoli
• 1 spicchio d’aglio (facoltativo)
• 4 + 2 cucchiai di pangrattato
• 4 cucchiai di olio evo
• Sale, pepe (poco)
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti per il cavolfiore + 20 minuti di gratin in forno

Pulisco il cavolfiore mettendolo prima un po’ a bagno in acqua e sale, per far uscire qualche insettino nascosto, poi lo sciacquo bene, lo divido in cimette e lo faccio lessare, al dente, in acqua leggermente salata
Nel frattempo che cuoce, preparo la salsina.
Faccio ammollare nel latte 4 cucchiai di pangrattato, di modo da avere una crema.
Trito il prezzemolo con l’aglio privato dell’anima, aggiungo le acciughe e le sminuzzo, trasferisco tutto nel pangrattato, diluisco con quattro cucchiai d’olio, infine completo con i pinoli.
Scolo il cavolfiore e lo faccio saltare velocemente nell’olio rimanente, intanto lo divido ulteriormente.
Lo trasferisco in una pirofila di giuste dimensioni, lo corpo con il composto ben distribuito, termino con un filo d’olio e il pangrattato, lo metto in forno ben caldo a gratinare.
Strategie: Si può preparare il cavolfiore lessato in anticipo, anche il giorno prima, e conservarlo al fresco.
Se ne avanza, si conserva tranquillamente in frigorifero per due o tre giorni, oppure si può porzionare e congelare.
Vino: Malvasia dei Colli Piacentini

Renato Guttuso – Cavolfiore

renato-guttuso-cavolfiore-60-x-80

 

Insalata di rinforzo, versione 2016


insalata-di-rinforzo

Da quando ho scoperto l’insalata di rinforzo, piatto napoletano a base di cavolfiore e verdure tipico delle festività natalizie, la preparo ogni anno. E’ perfetta per la cena della vigilia, in quanto rispetta i principi del piatto magro, e se ne avanza, è ancora più buona nei giorni successivi, ed è comodissima per chi vuole fare solo uno spuntino dopo una libagione un po’ più impegnativa.

Questa versione, che ho appena sperimentato, si discosta un pochino dal piatto classico, secondo me in positivo, quindi ve la propongo.

Gli ingredienti, in proporzione:

  • 1 cavolfiore di media grandezza (il mio era viola, ma va bene anche bianco o verde)
  • 50 grammi circa di gherigli di noce
  • 3 cucchiai di capperi sotto sale, ben sciacquati
  • 3 cucchiai di aceto
  • 1 cucchiaino di aceto balsamico
  • 3 falde di pomodori secchi
  • Qualche stelo di erba cipollina
  • 6 cucchiai di olio evo
  • 1 spicchio d’aglio
  • Sale, pepe

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Ho liberato il cavolfiore dalle foglie, l’ho diviso in cimette (ovviamente ho conservato il torsolo per un’altra ricetta) e l’ho messo a bagno in acqua dove ho sciolto una piccola manciata di sale fino. Questa operazione favorisce l’uscita di eventuali piccoli insetti nascosti. L’ho lasciato a bagno circa un quarto d’ora, poi l’ho cotto a vapore.

Intanto, ho preso una bella ciotola e l’ho sfregata internamente con lo spicchio d’aglio. Sul fondo, ho emulsionato l’olio con i due aceti, sale e pepe, ho aggiunto i capperi e i pomodori secchi tagliati a pezzettini, l’erba cipollina tagliuzzata.

Ho tostato le noci in un padellino: sono pronte quando cominciano a emanare il loro profumo.

Appena il cavolfiore è stato cotto al dente, ancora caldo l’ho trasferito nella ciotola, ho rimescolato accuratamente e completato con le noci.

Avete già fatto l’albero? A Rio de Janeiro lo fanno così

alberi-natale-rio-de-janeiro-lp

 

 

Sformato di cavolfiore


 

gratin-di-cavolfiore1

Le temperature del giorno, soprattutto se c’è il sole, sono ancora alte, ma ormai, anche in città, l’aria profuma inesorabilmente di autunno. I colori, la luce, persino i rumori sono cambiati. Anche al mercato incominciano a comparire i primi prodotti autunnali, come il cavolfiore. Forse era ancora una primizia, ma siccome mi piace molto, in più confortata dal fatto che pare faccia molto bene, ne ho acquistato uno, e l’ho preparato in versione “secondo piatto”.

Gli ingredienti, per i quali suggerisco un’aggiustatina a occhio secondo le dimensione del cavolfiore:

  • 1 bel cavolfiore non piccolo
  • 3 zucchine
  • ½ etto di prosciutto cotto
  • 1 fetta di emmenthal da 1 etto circa
  • Qualche cucchiaio di salsa di pomodoro
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 foglia di alloro
  • 3 cucchiai olio evo
  • 4 cucchiai di parmigiano reggiano grattuggiato
  • sale

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti per il cavolfiore + 20 minuti in forno

Ho selezionato le infiorescenze del cavolfiore e le ho messe a bagno in acqua e sale per stanare eventuali insetti nascosti, quindi ho sciacquato bene e trasferito nella vaporiera, dove le ho fatte lessare. Nell’acqua ho aggiunto una foglia di alloro. (n.b. ricordarsi di tenere il torsolo del cavolfiore, da recuperare in un minestrone).

Intanto ho lavato e tagliato a fettine le zucchine e le ho rosolate rapidamente nell’olio con lo spicchio d’aglio. Ho salato, aggiunto la salsa di pomodoro e fatto finire di cuocere per qualche minuto ancora.

Ho tagliato a pezzettini il prosciutto e l’emmenthal e li ho aggiunti alle zucchine.

Ho acceso il forno statico a 180 gradi.

gratin-di-cavolfiore2

In uno stampo da plum-cake di silicone, ho messo una base ben compatta di ciuffetti di cavolfiore lessati, ho aggiunto l’insieme di zucchine, prosciutto e formaggio, ho coperto con i rimanenti ciuffetti di cavolfiore, ho completato con una bella spolverata di parmigiano grattuggiato.

Ho passato tutto in forno per circa 20 minuti, il tempo di ottenere una leggera gratinatura.

Il piatto è buono, completo e nutriente, purtroppo un po’ difficile da sformare perché gli ingredienti sono slegati e tendono a non rimanere compatti. Aiutandomi con due cucchiai, mi sembra di essere riuscita a fare porzioni gradevoli ed equilibrate nella presenza dei diversi ingredienti.

Strategie: E’ possibile lessare il cavolfiore in anticipo, e sempre in anticipo cuocere le zucchine, per assemblare tutto al momento di andare in tavola.

Variazioni sul tema: Questo piatto ben si presta al recupero di prosciutto e formaggi avanzati. Io ho scelto l’emmethal perché meno fastidioso per chi è allergico al lattosio, ma si può optare per una mozzarella, più filante, o una fontina, più saporita.

Vino: Malvasia dei Colli Piacentini

Un’opera mangereccia di Giovanni Segantini

segantini-prosciutti

 

Couscous di cavolfiore


couscous

Ecco un’idea veloce e appetitosa per rendere gradito a tutti, ma proprio a tutti, il cavolfiore bollito.

Gli ingredienti sono:

  • 1 cavolfiore
  • 5-6 Pomodori secchi
  • Una manciata di uvetta
  • Una manciata di olive nere
  • Una manciata di pinoli
  • Olio evo, aceto balsamico, sale (a discrezione)

Tempo di preparazione degli ingredienti: 10 minuti prima + 10 minuti alla fine

Tempo di ammollo del cavolfiore: 30 minuti

Tempo di cottura del cavolfiore: 15 minuti circa dal primo bollore

La prima cosa da fare è, ovviamente, pulire il cavolfiore: staccate le foglie più dure e mettetelo a bagno immerso in acqua fredda con due cucchiai di sale. Lasciatelo riposare una mezz’ora: l’acqua salata farà uscire eventuali insetti nascosti tra le sue pieghe.

Ora sciacquate il cavolfiore, dividetelo in cimette e fatelo lessare in acqua salata, scolandolo piuttosto al dente. Una volta pronto, scolatelo, cercate di sgranarlo più possibile e conditelo con gli ingredienti indicati (i pomodori secchi saranno stati tagliati a striscioline) olio evo e un pochino di aceto balsamico. Sentirete che gusto stuzzicante!

E’ un piatto rapido, economico e dal gusto originale. Il cavolfiore è una verdura invernale, così preparato può essere un giusto contorno per un arrosto semplice o un roast beef, oppure diventare il secondo piatto di una cena leggera.

E’ anche un piatto molto salutare:  sia il cavolfiore che i pomodori secchi (ottima alternativa ai freschi, quando non sono disponibili) sono ricchi di Sali minerali e vitamina C, oltre a rappresentare una buona difesa anti cancro.

Strategie: il cavolfiore può essere lessato in anticipo, magari in un momento in cui è possibile arieggiare bene la casa, visto l’odore sgradevole durante la preparazione.  Mentre lo pulite, non gettate il torsolo! Lessatelo con due patate, e avrete una squisita crema di cavolfiore, oppure aggiungetelo al minestrone classico.

Vini: Nebbiolo o bianco delle Langhe

Una pittrice ci dà una poetica versione del cavolfiore

cavolfiore