Prepariamoci al Natale – Primi piatti: Tagliatelle semi-integrali con zucca e gorgonzola


tagliatelle fatte a mano semi integrali con zucca e gorgonzola
Tagliatele zucca e gorgonzola

Le tagliatelle (come queste, fatte in casa) sono speciali anche se semplicemente condite con un filo d’olio e parmigiano, ma diventano eccezionali con questa crema di zucca e gorgonzola: un incontro dolce-salato molto gradevole.

Le mie proposte per i menu natalizi, forse lo avete notato, volutamente non includono i piatti più tradizionali. Voglio invece suggerire delle alternative, ma così buone e ricche da non sfigurare su una tavola importante.

E per restare in tema di NON SPRECARE, potete pensare di usare, con il gorgonzola, qualche piccolo avanzo di formaggio rimasto nel frigorifero.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————

Gli ingredienti per le tagliatelle:

400 grammi farina 0
• 4 uova
Ingredienti per la salsa:
• 300 grammi di zucca decorticata
• 1 scalogno
• 100 grammi di gorgonzola
• 3 cucchiai di olio evo
• Sale

Tempo di preparazione delle tagliatelle: 30 minuti
Tempo di preparazione e cottura della salsa alla zucca: 20 minuti
Porzioni: 4
Difficoltà: bassa
Costo: medio
Conservazione: 2 giorni in frigorifero – sia salsa che tagliatelle si possono congelare
Il Gusto di non Sprecare: si possono recuperare altri avanzi di formaggi
Primo piatto
Ricetta vegetariana


Procedimento:

Cominciamo dalle tagliatelle

Si possono fare a mano, impastando a mano e tirando la sfoglia a mano.

Si possono fare con l’impastatrice, semplicemente mescolando farina e uova fino a ottenere un impasto morbido e sodo, che deve riposare coperto una mezz’oretta almeno. Poi si tirano le sfoglie e si preparano le tagliatelle con i rulli. Questo lo può fare chiunque, basta avere l’attrezzatura.

Si possono comperare fatte e via.

L’importante è fare buono il condimento, che è semplicissimo.

Faccio cuocere la zucca per due o tre minuti nel microonde, di modo che si ammorbidisca. Se ha ancora la scorza, la lascio e la tolgo dopo questo passaggio in modo molto più semplice e veloce.
Trito lo scalogno

In una padella bella grande scaldo l’olio, faccio rosolare lo scalogno dolcemente, perché deve caramellarsi senza bruciare, infine aggiungo la zucca privata della scorza e tagliata a pezzi.

Cuocio la zucca finchè non sarà disfatta, aggiungendo al bisogno un pochino di acqua o latte. Regolo il sale in cottura.

Quando la zucca è quasi pronta, metto sul fuoco la pentola per la pasta e, quando bolle, butto le tagliatelle.

Aggiungo il gorgonzola alla zucca e, mescolando accuratamente, faccio sciogliere

Scolo le tagliatelle, lasciandole un pochino umide, le verso nella padella con il condimento, mescolo bene e servo subito.

Il Gusto di non Sprecare: Pappa al pomodoro a modo mio


pappa al pomodoro, per recuperare il pane raffermo avanzato
Immagine dal web

La pappa al pomodoro è una delle più note ricette di recupero, perfetta per recuperare del pane avanzato e un po’ raffermo.

È altrettanto vero che ogni famiglia ha un po’ la sua ricetta. La mia è molto semplice, ma anche molto sfiziosa.

Gli ingredienti:
Salsa di pomodoro ½ kg
• Pane raffermo a fette circa 300 grammi
• ½ litro di brodo vegetale
• 3 spicchi d’aglio
• Olio evo
• Sale, pepe
• Basilico in foglie o origano secco

Tempo di preparazione: 10 minuti
• Tempo di cottura: 15 minuti per il pane + 40 minuti
• Porzioni: 4
• Difficoltà: bassissima
• Costo: bassissimo
• Conservazione: 3 giorni in frigorifero – non si può congelare
• Il Gusto di non Sprecare: si recupera in modo semplice e veloce il pane avanzato
• Primo piatto o antipasto
• Ricetta vegetariana e vegana

Accendo il grill del forno
Taglio il pane a fette, lo allineo sulla placca del forno e lo metto in forno a gratinare
Intanto preparo una casseruola in terracotta e sbuccio gli spicchi d’aglio
Quando il pane è pronto, ben tostato, lo ritiro dal forno, sfrego le fette una per una con abbondante aglio, e le poso sul fondo della casseruola, leggermente sovrapposte
Copro con la salsa di pomodoro, allungo con il brodo e mi accerto che tutto il pane sia ben immerso
Metto a cuocere a fuoco molto dolce, senza rimescolare, ma accertandomi ogni tanto che non manchi liquido. Eventualmente rabbocco con del brodo.
Regolo di sale e pepe durante la cottura
La zuppa è pronta quando il pane è ben spappolato. Si gusta calda, non bollente, irrorata con abbondante olio evo e profumata con qualche foglia di basilico o una spolverata di origano.

 

Un Pablo Picasso del 1944, non più cubista: Tomato plant (particolare)

Risotto alla mela, curry e curcuma, secondo la ricetta della famiglia di Giorgio Morandi


Risotto mela, curry e curcuma secondo la ricetta di casa Morandi, facile e velocissimo
Risotto con mela, curcuma e curry

Ho imparato la ricetta di questo risotto con mela e curry quando, l’estate scorsa, ho visitato la casa museo del pittore Giorgio Morandi. La nostra appassionata guida mi ha raccontato di questo piatto molto apprezzato nella famiglia, e anche abbastanza insolito per l’epoca, visto l’uso del curry.

In realtà, una delle sorelle del pittore aveva vissuto per qualche tempo nel Nord Africa, e lì aveva appreso a cucinare con quelle spezie che, da noi, si sono diffuse molti anni più tardi.

Ho replicato a casa questo risotto, e ho scoperto un piatto dove la mela ingentilisce la spezia, amalgama i sapori e dona una piacevole nota insolita.

Un piatto facile e veloce, come sempre, ma non banale.

Questi gli ingredienti:

  • 320 grammi di riso per risotti (per me, Carnaroli)
  • 2 mele renette o granny smith
  • 1 cucchiaino colmo di curry
  • 1 cucchiaino colmo di curcuma
  • 1 cipolla piccola
  • Brodo di carne o vegetale, anche fatto con il dado
  • ½ bicchiere di vino bianco frizzante
  • 2 noci di burro
  • Parmigiano reggiano grattugiato

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 20 – 25 minuti

Porzioni: 4

Difficoltà: bassa

Costo: medio

Conservazione: 2 giorni in frigorifero  

Il Gusto di non Sprecare: l’eventuale risotto avanzato si utilizza come ripieno per una torta salata, per crocchette, per frittata

Primo piatto

Ricetta vegetariana e, con brodo vegetale, vegana

 

Ho preparato circa mezzo litro di brodo nel quale ho sciolto sia la curcuma che il curry.

Ho tritato finemente la cipolla. Ho fatto sciogliere una noce di burro nella pentola e ho soffritto la cipolla a fuoco dolcissimo, bagnando anche con un pochino di acqua.

Ho aggiunto il riso e l’ho fatto tostare per alcuni minuti

Ho versato il vino e, quando questo è evaporato, tanto brodo da coprire bene il riso.

Ho lasciato cuocere, mescolando ogni tanto e aggiungendo brodo al bisogno. Come per tutti i risotti, in questa fase bisogna prestare attenzione che il fondo non si attacchi e non bruci.

Nel frattempo, ho tagliato e pelato una mela e mezza, e le ho tritate

Ho tagliato a fettine la mela rimasta, e le ho fatte dorare velocemente in una padella antiaderente.

Quasi a fine cottura, ho aggiunto al riso la mela grattugiata, mescolando bene. Infine, ho mantecato con il burro rimasto e un po’ di parmigiano. Ho proposto altro parmigiano in tavola.

Ho preparato i piatti, decorando con due fettine di mela tostate.

Strategie e Variazioni sul tema: se non avete mele acidule, anche una mela più dolce può andare bene, aumentando leggermente la quantità del curry.

 

Questa che vedete è una foto scattata nella cucina di casa-museo Morandi, dove si nota come il senso estetico imperasse anche nelle piccole cose quotidiane

Crednza nella cucina di casa Giorgio Morandi a Grizzane Morandi
Cucina di casa Giorgio Morandi

Vellutata di verdure, preparata a costo (quasi) zero


vellutata di verdure a costo (quasi) zero, antispreco e di recupero
Vellutata di verdure, immagine dal web

Sono felice di potervi proporre la mia ricetta antispreco scelta da NonSprecare

Vi invito a provarla, a gustarla e a condividerla. Buon appetito 🙂

 

NonSprecare, logo

logo NonSprecare

Non Sprecare: Vellutata di verdure realizzata con gli scarti


Sono anche qui!

http://www.nonsprecare.it/ricetta-vellutata-verdure?refresh_cens

Insalata di orzo con rapanelli, nocciole, miele e aceto Balsamico di Modena IGP


insalata tiepida con rapanelli al forno, miele, nocciole, aceto Balsamico di Modena IGP
Orzo tiepido con rapanelli, miele, nocciole e aceto Balsamico di Modena IGP

Avete in frigorifero dei rapanelli un po’ tristi, un po’ passati, e non sapete come recuperarli? Cuoceteli!

E per valorizzarli vi suggerisco questa insolita insalata.

Gli ingredienti sono:

  • 250 grammi di orzo perlato (se usate il decorticato, prevedete anche qualche ora di ammollo)
  • 10 rapanelli circa, lavati e tagliati in quattro parti, o sei se sono grandi
  • 1 bella manciata di nocciole
  • Sale, pepe
  • 1 cucchiaino di miele
  • 4 – 5 cucchiai di olio evo
  • Aceto Balsamico di Modena IGP
  • Tempo di preparazione: 10 minuti
  • Tempo di cottura: 25 – 30 minuti + la cottura dell’orzo
  • Porzioni: 4
  • Difficoltà: bassissima
  • Costo: basso
  • Conservazione: 3 giorni in frigorifero – non si può congelare
  • Il Gusto di non Sprecare: si possono utilizzare i rapanelli meno freschi
  • Primo piatto o antipasto
  • Ricetta vegetariana 

Ho acceso il forno a 200 gradi

Ho distribuito i rapanelli a pezzi sulla teglia del forno, li ho conditi con un filo d’olio evo, sale, pepe, il miele e li ho messi in forno per circa mezz’ora

Intanto ho preparato l’orzo.

Se avete quello perlato, cuocetelo secondo le istruzioni della confezione

Se, come me, avete quello solo decorticato, dopo l’ammollo cuocetelo finchè non è tenero (io l’ho cucinato nella Instant Pot per 20 minuti).

Ho scolato l’orzo e fatto raffreddare un pochino sotto l’acqua corrente. L’ho fatto ben scolare

Ho tritato le nocciole, nel mixer, molto grossolanamente

In una ciotola ho raccolto l’orzo, i rapanelli cotti e aromatizzati, le nocciole, ho condito con olio evo e due giri di aceto Balsamico di Modena IGP.

Un’insalata con una leggera punta dolce, ma molto appetitosa.

Bella nelle tonalità tenui del rosa e del giallo.

Da provare ogni tanto, come primo piatto in famiglia o, in versione monoporzione, come antipasto

 

Vi regalo l’immagine di una magnifica scultura che si trova nel Cimitero Monumentale di Staglieno: La venditrice di noccioline

Grazie a Miss Fletcher che ce ne racconta la storia

 

 

 

Risotto all’Aceto Balsamico di Modena IGP


Avete capito tutto sull’aceto Balsamico di Modena?

Spero sia chiaro, soprattutto, che non ha niente a che vedere con l’aceto di vino.

Il Balsamico di Modena si può aggiungere all’insalata, volendo, ma è soprattutto un prezioso ingrediente in cucina, capace di dare carattere a piatti diversi.

Vi presento la ricetta che può sembrare più scontata e più diffusa, il risotto

Può sembrare, perché per renderlo perfetto, ed esaltarne gli aromi, bisogna prepararlo con un piccolo trucco.

Andiamo con la ricetta

 

Gli ingredienti:

  • 320 grammi di riso per risotti (per me Carnaroli o Superfino Arborio)
  • 1 piccolo scalogno
  • 1 noce di burro
  • 1 bicchiere di vino bianco secco di qualità
  • Brodo di carne o fatto con il dado autoprodotto
  • 100 grammi circa di Parmigiano Reggiano giovane (12 – 14 mesi)
  • Aceto Balsamico di Modena (IGP, versione più giovane, meno costosa, ma perfetta in cucina

 

Tempo di preparazione: 5 minuti

Tempo di cottura: 20 – 25 minuti

Porzioni: 4

Difficoltà: bassissima

Costo: medio

Il Gusto di non Sprecare: nel solo tempo di cottura del riso si prepara un piatto insolito e raffinato, adatto anche a una cena formale

Primo piatto

Ricetta vegetariana

 

Ho tritato finemente lo scalogno

Ho scaldato la pentola (meglio se di terracotta) e ho fatto tostare lo scalogno senza alcun condimento, mescolando, così da esaltarne il profumo

Ho versato il riso, ho fatto tostare finchè i chicchi non sono apparsi lucidi, sempre mescolando

Ho aggiunto il vino bianco e ho lasciato evaporare

Ho portato a cottura con il brodo, versandone un po’ alla volta

Nel frattempo, aiutandomi con un pelapatate, ho preparato il Parmigiano riducendolo in scaglie molto sottili

Appena il riso è risultato pronto, ho mantecato con il burro, l’ho diviso nei piatti, ho disposto le scaglie di Parmigiano sulla superficie e ho versato alcune gocce di aceto.

Questa operazione deve essere fatta un velocemente, perchè il parmigiano cominci a fondere, a contatto del riso bollente. Nello stesso tempo, il calore fa sprigionare al Balsamico tutti i suoi profumi, che andranno lentamente a mescolarsi con gli altri ingredienti.

Provatelo, è squisito e molto particolare

Non fatelo con l’aceto di vino, però! Come dicevo, nonostante il nome, sono due prodotti completamente diversi

Modena, la Piazza Grande e il meraviglioso Duomo romanico, dichiarato Patrimonio dell’Umanità

Risotto al curry con sedano e cipollotti di Tropea


Buongiorno a tutti e bentornati!

Come avete passato l’estate? Spero bene!

Io ho mangiato molto, cucinato poco, passeggiato parecchio e trascurato il blog

È stata quindi una graditissima sorpresa trovare questa ricetta a me dedicata, inventata da Manuela Arata, della quale vi avevo già parlato qui.

Una ricetta perfetta per il mio e-book Il Gusto di non sprecare, per il quale sto pensando a un aggiornamento.

Una ricetta perfetta in quanto risponde perfettamente alla mia idea di recupero, ovvero la valorizzazione di quanto avanzato o scartato

Manuela ha una istintiva capacità nel gestire i sapori speziati, che danno un tocco di energia in più.

Ecco quindi la ricetta, come lei stessa l’ha spiegata:

Questa ricetta la dedico a Paola Bortolani che apprezza le ricette di “riciclo”
Avevo in frigo il brodo del vitel tonné, un bel po’ di cipollotti di tropea e un po’ di sedano e per utilizzarli mi sono inventata questo risotto molto buono:
affetto i cipollotti e sminuzzo il sedano, poi li faccio andare con pochissimo olio bagnando col brodo per un paio d’ore affinché si sfacciano
aggiungo polvere di curry buono e lo faccio sciogliere bene (il curry tende ad essere un po’ sabbioso, quindi ci vuole almeno una mezz’ora di cottura a fuoco lento)
verso il riso e lo faccio intridere bene prima di bagnarlo con il brodo che rabbocco fino a cottura
praticamente senza grassi, delicious!

  • Difficoltà: bassa
  • Costo: basso
  • Ricetta vegetariana e veganasostituendo il brodo di carne con brodo vegetale
  • Il Gusto di non Sprecare: brodo di carne del vitel tonné

Volete conoscere tutte le ricette di Manuela?  seguite #delizieta su Facebook