Un “amico”: il microbiota


l'ingresso alla mostra - fotografia dal web
microbiota

Da qualche tempo si sente parlare del “microbiota”, nuova frontiera del nostro star bene. Ho voluto capirne un po’ di più, e ci sono riuscita visitando una mostra alla Cité des sciences et de l’Industrie a Parigi.

Se pensavo che il nostro sistema digerente, quel percorso che va dalla bocca all’uscita finale, fosse operativo solo dopo i pasti, e che servisse solo alla digestione, mi sbagliavo: lì dentro, un cocktail di batteri, virus e funghi lavorano incessantemente per mantenere in forze il nostro sistema immunitario, tutte le nostre funzioni vitali, e il nostro comportamento, visto che anche il cervello si rinnova con l’alimentazione. Insomma, l’energia indispensabile alla vita.

la danza dei batteri

È quindi importante mantenere il nostro microbiota in ottima forma, capire bene come funziona e come deve funzionare.

Ognuno di noi ha un microbiota personale, già bell’e pronto quando veniamo al mondo, che si trasforma ed evolve nel corso della nostra vita. Varia a seconda di quello che mangiamo, dell’ambiente in cui viviamo, dalle persone più vicine a noi.

Si capisce allora quanto sia importante alimentarlo in modo corretto: privilegiando cibi che contengono i batteri “giusti” per tenere il microbiota sempre in forma, evitando l’abuso di antibiotici che, killer di tutti i batteri indistintamente, lo distruggono.

Ecco qualche regola di facile applicazione per un microbiota al top:

  • Fare quattro pasti al giorno, introducendo i 30 grammi di fibre di cui l’intestino ha bisogno per funzionare bene
  • Non avere inutili paure dei batteri: solo il 5% di quelli che ci circondano nel nostro quotidiano sono patogeni
  • La nuova frontiera della medicina in questo settore lavora per trovare il microbiota perfetto per ognuno di noi, in grado di prevenire le malattie, e compensando eventuali squilibri addirittura con, tenetevi forte, il trapianto fecale.

Io sono sempre affascinata dalle novità, e se si parla di salute mi sento ancora più attratta dal desiderio di capire e conoscere a fondo.

La scienza, materia esatta per definizione, è sempre in evoluzione: ogni nuova scoperta va guardata con la giusta curiosità e interesse.

Sarà il microbiota la panacea di tutti i mali? Ai posteri l’ardua sentenza.

Nel frattempo, come è importante non sprecare cibo, è importante non sprecare il benessere e la salute. E le regole sono sempre le stesse: alimentazione più variata possibile, un po’ di movimento, e anche un po’ di serenità.

immagine della mostra

Pubblicato da

Paola Bortolani

Un altro blog di cucina?! Sì, ma non come tutti gli altri, perchè qui l'ingrediente principale è l'avanzo, lo scarto, l'esubero. Ricette e consigli, tanti consigli, per contenere al massimo lo spreco del cibo e per recuperare quello che avanza con originalità ed eleganza

30 pensieri su “Un “amico”: il microbiota”

  1. sapevo che i brontosauri avevano una sorta di filiale del cervello (ahimè troppo piccolo il loro cranio) in xona addome, non pensavo che pure l’essere umano… scherzi a parte è un articolo molto interessante, non conoscevo assolutamente l’argomento

    Piace a 1 persona

  2. Pensavo che il microbiota fosse un tipo figo che mi volevi presentare, lo coccolerò come un bebe…….estendo anche ate la richiesta di aiuto che ho attivato per il mio editore……AIUTIAMO il microbiota e l editore in un progetto pilota per una vita intelligente, grazie

    "Mi piace"

    1. Grazie! Posso riprendere il vostro post? Sulla mostra, che dire: voi siete matti 😉 ma siete scienziati. Io l’ho trovata molto ampia, chiara, divertente e ben spiegata anche per i non-scienziati come me. Non so se per voi può essere troppo basic. Ma un giro a Parigi si fa sempre volentieri

      "Mi piace"

Rispondi a Non Solo Campagna - Il blog di Elena Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.