Il Gusto di non Sprecare: Frittata di cipolle, digeribilissima


Il Gusto di non Sprecare
Il Gusto di non Sprecare

Amate la frittata di cipolle, ma vi dà qualche problema digestivo?

Provate a farla come la faccio io, e problema risolto!

Anche questa ricetta è tratta da Il Gusto di non Sprecare (su Amazon e Kobo)


Gli ingredienti per una frittata di 22-24 cm di diametro:

• 4 cipolle dorate o bianche di media grandezza
• 5 uova
• 3 cucchiai olio (evo o arachide)
• Sale

Tempo di preparazione: 40 minuti + 30 minuti di riposo + il tempo di raffreddarla o intiepidirla
Ricetta vegetariana
Senza glutine
Senza lattosio


La frittata di cipolle è uno dei piatti più appetitosi che esistano, anche se bisogna riconoscere che può appesantire un po’ la digestione.

Ebbene, ora vi spiego un mio trucchetto per annullare qualunque difficoltà digestiva.

Sbucciate le cipolle e affettatele sottilmente. Se volete piangere meno, fate tutto dentro una bacinella piena d’acqua: la cipolla, immersa, non vi darà fastidio.

Nella padella mettete l’olio, fatelo scaldare, aggiungete le cipolle affettate (se sono ancora in acqua, raccoglietele con pazienza dall’alto, per lasciare in fondo eventuali residui che è meglio buttare), fatele cuocere lentamente, aggiungendo al bisogno qualche sorso d’acqua e salandole a metà cottura.

Quando le cipolle saranno ben trasparenti e morbide (ci vorranno circa 20 minuti) spegnete il fuoco, inclinate la padella (io di solito metto sotto un cucchiaio di legno), raccogliete le cipolle in alto di modo che restino lontano dall’olio, coprite e lasciate riposare almeno mezz’ora.

Passato il tempo del riposo, prima di tutto preparate le uova, sbattendole velocemente in una ciotola capiente, e salatele. Una regola che vale per qualunque frittata: più sbattete e montate le uova, meno digeribile sarà la vostra frittata.

Riaccendete la fiamma, scaldate le cipolle, aggiungete le uova sbattute, fate cuocere 5 minuti a fiamma vivace, o almeno finché non sentite le uova ben rapprese nella parte a contatto del tegame.

Qui, se siete molto bravi, potete far saltare la frittata di modo che si giri in aria e ricada in padella girata. Io la giro semplicemente aiutandomi con un grande coperchio.

La frittata è pronta: lasciatela raffreddare perché è molto più buona tiepida o addirittura fredda.

Le cipolle si possono preparare in anticipo, anzi più riposano, meglio è.

La frittata di cipolle è un buon secondo, da completare con una croccante insalata; fredda e tagliata a quadretti diventa uno stuzzichino per l’aperitivo. Si può arricchire aggiungendo alle cipolle, quando sono quasi cotte, una manciata di pinoli. Se ne avanza, si taglia a striscioline e si aggiunge direttamente all’insalata, da condire anche con l’aceto.

Pubblicato da

Paola

Un altro blog di cucina?! Sì, ma non come tutti gli altri, perchè qui l'ingrediente principale è l'avanzo, lo scarto, l'esubero. Ricette e consigli, tanti consigli, per contenere al massimo lo spreco del cibo e per recuperare quello che avanza con originalità ed eleganza

16 pensieri su “Il Gusto di non Sprecare: Frittata di cipolle, digeribilissima”

I commenti sono molto graditi. Se ha i voglia, lascia la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.