I guanti Scrub


Ognuno di noi ha il suo corredo, in cucina, fatto da un insieme di oggetti tradizionali e altri più innovativi. Spesso, quando “si mette su casa”, quando si va ad abitare da soli, ancora non si sa cucinare, non ci si preoccupa di saperlo fare. Allora la cucina si riempie di cose acquistate istintivamente o di regali scelti da altre persone.

Piano piano questo corredo si affina e arriva a somigliarci sempre di più.

Ci sono tante cose indispensabili, ce ne sono alcune solo apparentemente voluttuarie.

I guanti scrub, un piccolo accessorio poco reclamizzato (non li ho mai visti nominare nelle trasmissioni televisive o nelle riviste di cucina) sono, a mio avviso, qualcosa che può davvero rendere più semplice la vita di chi opera in cucina.

Una coppia di guanti in materiale sintetico assolutamente non assorbente, che con poche passate rimuovono ogni traccia di terriccio e impurità da frutta e verdura.

Le carote, le patate, le melanzane, i peperoni, tutti quegli ortaggi che non si sbucciano, in un attimo sono perfettamente puliti.

La frutta, che sarebbe bene consumare sempre con la buccia, è ancora più pulita.

Io ne ho un paio che adopero quasi quotidianamente da anni, ancora perfetti, e di cui non potrei più fare a meno.

Dove si trovano? Nei negozi di casalinghi be forniti
Quanto costano? Una decina di euro

Come si puliscono? Questa è la mia procedura: ogni volta li lavo con una goccia di detersivo e li sciacquo molto bene – un passaggio che faccio tenendoli su, come se mi lavassi le mani
Ogni tanto li metto a bagno per una mezz’ora in acqua con un pochino di candeggina.

E no, non li vendo, giuro 😉