Le ricette per il pranzo di Pasqua: l’antipasto. Insalatina di carciofi e tonno


Chi mi conosce sa quanto io ami i carciofi, che preparo spesso durante la loro, abbastanza lunga, stagione.

Fra fine marzo e aprile è il momento in cui i carciofi sono più teneri e dolci, perfetti per essere consumati crudi. Per questo ho pensato a un piccolo e fresco antipasto, ideale per aprire l’appetito verso le portate successive. Un antipasto nutriente, sì, ma leggero, con in più l’effetto detox del carciofo.

Gli ingredienti per quattro persone:

  • 3 carciofi freschissimi
  • 80 grammi di tonno sott’olio, di qualità
  • olio evo

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di riposo: 30 minuti

Preparate una ciotola d’acqua nella quale avrete spremuto mezzo limone (non gettate il mezzo limone spremuto!). Mettete i guanti di gomma o di lattice, altrimenti alla fine dell’operazione vi ritroverete con tutte le dita nere, e incominciate con pazienza a pulire i carciofi. Staccate le foglie esterne più dure (da recuperare per preparare tisane rinfrescanti), tagliate la punta delle spine e poi il carciofo a quarti per liberarlo comodamente della barba, tagliatelo ancora a fettine più sottili possibile (da ogni quarto dovrete ricavarne almeno tre) e mettete le fettine nell’acqua con il limone.

Una volta che avrete affettato tutti i carciofi, trasferiteli in un colino (non versateli, ma prendeteli con le mani cominciando da quelli più in superficie, di modo che eventuali piccoli residui restino sul fondo dell’acqua e vadano poi eliminati) e lasciateli sgocciolare bene. Spremete sopra qualche goccia di limone ancora, per conservarli chiari. Nel frattempo scolate il tonno dall’olio,  mettetelo in una ciotola e sminuzzatelo con una forchetta. Aggiungete i carciofi, condite con qualche cucchiaio d’olio, mescolate bene e lasciate riposare almeno mezz’ora.

L’antipasto è pronto: un sapore legato, diverso, nuovo. Proponetelo in piccole ciotole individuali: è bello e fresco anche nel colore.

Strategie: potete pulire i carciofi in anticipo, l’importante è che l’acqua in cui sono immersi sia ben acidulata dal limone. E mi raccomando, oltre a recuperare le foglie più dure, non gettate via i gambi, ottimi per frittate e torte salate.

Variazioni sul tema: Raddoppiate le dosi e avrete un secondo completo. Cercate i carciofi di Albenga e avrete un piatto lussuosissimo (in tutti i sensi)

Vini: Falanghina del Sannio

http://amzn.to/2HcjZWd https://bitly.com/#