Cibo a regola d’arte … e tanti auguri!


Il Corriere della Sera ha organizzato a Milano la manifestazione Cibo a regola d’arte, due giorni di totale immersione nel cibo, nelle sue preparazioni, nella sua storia.

Io ho scelto di seguire due incontri casualmente consecutivi, per me di grande interesse.

Niente di pratico, niente di goloso, solo storie, belle storie.

Il primo incontro aveva lo stesso titolo del mio e-book: Il gusto di non sprecare. A tenerlo, Andrea Segré, una personalità che da molti anni si batte per diffondere il principio di quanto sia importante non sprecare il cibo.

Andrea Segré insegna all’Università di Bologna, ha lanciato il Last Minute Market, e non si stanca di far sentire la sua autorevole voce per sensibilizzare tutti, da chi ci governa all’ultimo cittadino, su quanto conti organizzare un recupero efficace delle scorte invendute, prossime alla scadenza, non perfette.

Inutile dire che per me è un idolo! Sono anche riuscita a salutarlo!

 

nato con le Olimpiadi in Brasile (dove si chiamava RefettoRio), e da lì in espansione in varie città del mondo.

Cos’è Refettorio? Un ristorante per persone indigenti (quindi, per loro, gratuito) dove, in un ambiente bello e curato, vengono proposti piatti di alta cucina, preparati con quanto avanza dai mercati cittadini, e quindi donato.

Massimo Bottura ha messo in questo progetto la ricerca continua per recuperare e riciclare gli ingredienti a disposizione, aggiungendo alle ricette classiche altre preparazioni ricche di fantasia, attente all’armonia dei sapori, incantevoli nella loro originalità.

Molti Refettori stanno aprendo nel mondo, coinvolgendo altri chef stellati che hanno voluto fortemente aderire al principio fondante, che potrei definire “alta cucina di recupero”.

L’esempio portato a chi era presente (e che non ho, ovviamente, assaggiato, vista la mia scarsa prontezza di riflessi): i passatelli fatti, non con il pangrattato, ma con la pizza avanzata e seccata. Un esempio da ripetere facilmente in ogni cucina casalinga, per creare da un piatto ben preciso, la pizza, un altro piatto completamente diverso, e molto attraente.

Mi sembra, questo di Bottura, un passo verso un mondo migliore, verso un uomo migliore, dove l’alta qualità e la ricerca non rimangono confinate tra pochi fortunati, ma raggiunge quante più persone possibile. Tutti abbiamo diritto alla bellezza.

Buona Pasqua a tutti|

Le ricette per il pranzo di Pasqua: il secondo piatto di pesce – Rombo con pomodori e patate


Una buona ricetta di pesce per chi vuole osservare l’indicazione di mangiare “magro” nella giornata di oggi.

Il rombo è un pesce delicato, invernale, che si dovrebbe trovare con facilità anche in questo momento dell’anno. Preparato così, con pomodorini e patate, rappresenta un bel secondo completo e ricco, oltre che molto gustoso.

 

Gli ingredienti, per quattro persone:

  • 1 rombo da almeno 1 kg., sfilettato dal pescivendolo (fatelo fare a lui che lo fa in un attimo, mentre a casa può essere complicato)
  • 1/2 Kg. di pomodorini
  • 4 patate di medie dimensioni
  • 2 spicchi d’aglio
  • qualche foglia di basilico
  • olio evo
  • sale, pepe

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 15-20 minuti

Per prima cosa preparate le patate, che vanno cucinate a parte, e sono semplicemente arrostite in padella: sbucciatele, lavatele, tagliatele a tocchetti e cucinatele in 5 cucchiai di olio, aggiungendo lo spicchio d’aglio da togliere alla fine, e aggiustando di sale, rigorosamente alla fine.

Mentre le patate si cucinano, lavate bene i pomodorini e tagliateli almeno in due. Scaldate l’altro olio in una padella capiente, aggiungete lo spicchio d’aglio e, mentre soffrigge, mettete anche i pomodori. Date loro solo il tempo di cuocersi leggermente e cominciare ad asciugarsi, ma toglieteli dal calore della padella prima che comincino a disfarsi: non devono diventare salsa, ma mantenere una certa  consistenza. Per lo stesso motivo, salateli leggermente solo quando sono pronti. Nella stessa padella, ora vuota, aggiungete l’olio rimasto, le foglie di basilico, fate appena scaldare, quindi rosolate i filetti di rombo, cuocendoli non più di tre, quattro minuti per lato, e salandoli leggermente. Appena il pesce è cotto, mettete i filetti nei piatti, ripassate molto velocemente i pomodori in padella, solo per scaldarli, e infine componete i piatti con gli spicchi di pomodoro, una porzione di patate, il sughetto che si sarà formato da versare sul pesce, oltre a qualche fogliolina di basilico fresco per dare colore. E’ un secondo ricco e completo, dal sapore delicato, ma pieno e appagante, completamente privo di spine, quindi perfetto anche per i bambini.

Vino: Pigato, Gewurztraminer

Le ricette per il pranzo di Pasqua: il secondo piatto di carne – Filetto di maiale all’arancia


Immagine dal web

Per il pranzo di Pasqua volete un secondo piatto gustoso, leggero, economico e fresco?

Io vi propongo questi filetti di maiale, una carne che mi convince in quanto è un taglio magro, scelto, e poi il maiale è veramente onnivoro, ed è molto difficile sofisticarne le carni

Questi gli ingredienti per 6 persone:

  • 2 filetti di maiale
  • 5- 6 coste di un sedano (quelle più esterne vano benissimo)
  • 3 carote
  • 1 scalogno o 1 piccola cipolla
  • 1 foglia di alloro
  • 1 rametto di rosmarino
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 bicchiere di succo di arancia (se non ne trovate fresche, va bene anche quello in scatola)

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti al massimo

Prima di tutto ho lavato bene carote e sedano con il guanto scrub e ho tagliato tutto grossolanamente a dadini. Ho affettato finemente lo scalogno.

Ho scaldato l’olio in un tegame capiente (mi trovo bene con il wok) e ho fatto imbiondire appena lo scalogno con il rosmarino, quindi ho messo i due filetti di maiale. Li ho rosolati si tutti i lati, girandoli un paio di volte. Ho aggiunto le verdure, mescolando bene perché si insaporissero nel fondo di cottura, le ho salate, infine ho bagnato con il succo di arancia, ho aggiunto l’alloro, e coperto il tutto. Ho però verificato spesso la cottura, girando la carne e mescolando le verdure, per evitare che il tutto si asciugasse troppo. Dopo circa 15 minuti ho controllato la cottura della carne, pungendola nel mezzo con uno spiedino: se esce ancora sangue deve cuocere ancora un po’, se esce liquido trasparente è pronta. Continuare la cottura vuol dire renderla asciutta e poco saporita.

Lo stesso tempo è sufficiente per le verdure, che risultano così ancora un pochino croccanti.

Visto? Un piatto semplicissimo, che vi lascerà il tempo di godervi la tavola e gli ospiti.

Strategie: la ratatouille di verdure permette di recuperare eventuali ortaggi scompagnati rimasti in frigorifero.  Anche quelli cotti, basta metterli alla fine.

Vino: Barbaresco

Le ricette per il pranzo di Pasqua: primi piatti in tandem – Crema di ceci con gamberi rossi lardellati e pane croccante


In collaborazione con Max, propongo questa ricetta in abbinamento ai suoi Paccheri allo scoglio.

Potete preparare quella che preferite, se volete scegliere tra un piatto asciutto e uno cremoso, oppure farle entrambe per una scelta completa e raffinata.
Gli ingredienti per quattro persone:

  • 800 grammi di ceci già ammollati e lessati
  • 12 – 16 gamberoni rossi
  • 12 – 16 fettine di lardo di Colonnata
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 rametti di rosmarino
  • Olio evo
  • Fette di pane casareccio tostato

Tempo di preparazione e cottura: circa 30 minuti

Ho intiepidito qualche giro di olio evo al quale ho aggiunto lo spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino, e ho lasciato in infusione.
Ho frullato i ceci.
Ho sgusciato i gamberi lasciando testa e coda, li ho spolverizzati di rosmarino fresco tritati e avvolti nelle fettine di lardo
Ho sfregato le fette di pane con l’aglio e ho aggiunto un filo d’olio
Ho grigliato i gamberi, senza altro condimento.
Tutto pronto: ho scaldato la crema di ceci alla quale ho aggiunto l’olio aromatizzato, l’ho versata nei piatti e ho completato con i gamberi e le fette di pane tostato.
Rustico e ricco al contempo.

Le ricette per il pranzo di Pasqua: l’antipasto. Insalatina di carciofi e tonno


Chi mi conosce sa quanto io ami i carciofi, che preparo spesso durante la loro, abbastanza lunga, stagione.

Fra fine marzo e aprile è il momento in cui i carciofi sono più teneri e dolci, perfetti per essere consumati crudi. Per questo ho pensato a un piccolo e fresco antipasto, ideale per aprire l’appetito verso le portate successive. Un antipasto nutriente, sì, ma leggero, con in più l’effetto detox del carciofo.

Gli ingredienti per quattro persone:

  • 3 carciofi freschissimi
  • 80 grammi di tonno sott’olio, di qualità
  • olio evo

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di riposo: 30 minuti

Preparate una ciotola d’acqua nella quale avrete spremuto mezzo limone (non gettate il mezzo limone spremuto!). Mettete i guanti di gomma o di lattice, altrimenti alla fine dell’operazione vi ritroverete con tutte le dita nere, e incominciate con pazienza a pulire i carciofi. Staccate le foglie esterne più dure (da recuperare per preparare tisane rinfrescanti), tagliate la punta delle spine e poi il carciofo a quarti per liberarlo comodamente della barba, tagliatelo ancora a fettine più sottili possibile (da ogni quarto dovrete ricavarne almeno tre) e mettete le fettine nell’acqua con il limone.

Una volta che avrete affettato tutti i carciofi, trasferiteli in un colino (non versateli, ma prendeteli con le mani cominciando da quelli più in superficie, di modo che eventuali piccoli residui restino sul fondo dell’acqua e vadano poi eliminati) e lasciateli sgocciolare bene. Spremete sopra qualche goccia di limone ancora, per conservarli chiari. Nel frattempo scolate il tonno dall’olio,  mettetelo in una ciotola e sminuzzatelo con una forchetta. Aggiungete i carciofi, condite con qualche cucchiaio d’olio, mescolate bene e lasciate riposare almeno mezz’ora.

L’antipasto è pronto: un sapore legato, diverso, nuovo. Proponetelo in piccole ciotole individuali: è bello e fresco anche nel colore.

Strategie: potete pulire i carciofi in anticipo, l’importante è che l’acqua in cui sono immersi sia ben acidulata dal limone. E mi raccomando, oltre a recuperare le foglie più dure, non gettate via i gambi, ottimi per frittate e torte salate.

Variazioni sul tema: Raddoppiate le dosi e avrete un secondo completo. Cercate i carciofi di Albenga e avrete un piatto lussuosissimo (in tutti i sensi)

Vini: Falanghina del Sannio