Crostata di more al profumo di lavanda


Durante l’estate ho conosciuto Monica, una bellissima donna e giornalista, così ricca di energia e passione da non fermarsi lì. Lei vive al Borgo delle Fate, un angolo incantevole e fiorito di Serramazzoni (provincia di Modena) dove organizza incontri e corsi per grandi e piccini. Monica mi ha suggerito numerose ricette della tradizione, tutte preparate con i prodotti spontanei del giardino e dell’orto, e mi ha insegnato l’utilizzo della lavanda per uso alimentare. Entusiasta dell’idea, ho voluto provare subito e ho preparato questa crostata, usando le more in sciroppo che avevo già pronte, fatte da me.

Gli ingredienti:

  • 200 grammi di farina 0 o 00
  • 2 tuorli d’uovo
  • 100 grammi di burro morbido + pochissimo per ungere il tegame
  • 100 grammi di zucchero
  • 1 vasetto da 125 grammi di more in sciroppo
  • 1 pizzico di fiori di lavanda tritati – l’equivalente della bustina di vanillina
  • 1 tegame da forno di circa 22 cm. di diametro

Tempo di preparazione: 10 minuti per l’impasto + 30 minuti di riposo + 10 minuti

Tempo di cottura: 25 – 30 minuti

Preparate la pasta frolla montando il burro con lo zucchero, quindi amalgamate i tuorli, infine versate la farina in tre o quattro volte e, con questa, il pizzico di lavanda. Raccogliete l’impasto in una palla, chiudetelo in un sacchetto per alimenti e ponetelo in frigorifero.

Dopo non meno di mezz’ora riprendetelo.

Accendete il forno statico a 180°

Dividete l’impasto in due porzioni, una un pochino più abbondante.

Ungete con il burro il fondo e le pareti del tegame.

Prendete la porzione più abbondante dell’impasto, stendetela in uno strato regolare e posizionatela nel tegame. Per spostarla più facilmente, avvolgetela intorno al mattarello.

Cospargete con le more

Stendete il resto dell’impasto e rifinite la crostata come preferite, con la griglia tradizionale o altre decorazioni a piacere.

Ponete in forno, è pronta quando la pasta appare ben dorata e biscottata.

Lasciate raffreddare un pochino e … sentirete che sapore particolare, delicato, appena un tocco di freschezza che esalta l’aroma delle more.

Forse qualcuno si chiederà come preparare la lavanda a uso elementare. Io ho fatto così. Ne ho raccolto alcune spighe, fresche o secche fa lo stesso perché il profumo è sempre intenso. L’importante è, ovviamente, raccoglierle lontano da fonti di inquinamento. Le ho sgranate, ho messo a bagno i fiorellini, per spolverarli, cambiando l’acqua due o tre volte. Infine li ho scolati bene, li ho appoggiati su un vassoio e li ho lasciati asciugare perfettamente, smuovendoli spesso per aiutare l’evaporazione dell’acqua. Ci sono voluti un paio di giorni.

Infine li ho tritati molto finemente e li ho chiusi in un vasetto di vetro.

Attenzione a usarne una quantità davvero limitata, la lavanda ha un profumo molto intenso e un retrogusto amaro, meglio non esagerare.

Il Borgo delle Fate

54 pensieri su “Crostata di more al profumo di lavanda

  1. Quanti elementi in questo post e in questa ricetta: l’incontro tra due donne di sensibilità affini, la conoscenza della tradizione della nostra terra e della nostra tavola, un gusto per il bello e il buono. Grazie Paola!

    Piace a 3 people

  2. @ ha detto:

    Ciao Paola, perfetta la torta con i suoi profumi per il Borgo delle Fate: anche tu sei una fatina ❤ Io ne metto pochissima (di lavanda) in infusione nel latte e poi aggiungo maisena, un po' di fruttosio e prepro una cremina, per usare il lingiuaggio corrente che "fafigo: confortfud" 🙂 Bacio e buona settimana ❤

    Piace a 2 people

I commenti sono molto graditi. Se ha i voglia, lascia la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.