Pillola della settimana – Come siamo arrivati a sprecare così tanto


pillole

Dopo aver preso atto dei numeri spaventosi relativi allo spreco alimentare, la prima domanda che mi sono fatta è stata: come abbiamo potuto arrivare a questo punto?

Ricordo che, quando ero bambina negli anni ’60, si faceva la spesa tutti i giorni, acquistando solo quello necessario per la giornata. Tutto a km. 0, tutto di stagione. Se avanzava qualcosa (il pasto principale era quello del mezzogiorno, alla sera ci si arrangiava un po’) veniva immediatamente riciclato per il pasto successivo e, se proprio non si era finito tutto, veniva dato agli animali.

Poi si sono perfezionate le tecniche di conservazione, sono arrivati i frigoriferi, gli additivi chimici, e si sono presto imposte abitudini diverse. Le donne hanno incominciato a lavorare fuori casa, la spesa quotidiana non era più necessaria, si poteva fare ogni tanto e conservare comodamente in frigo le scorte. La facilità dei trasporti ha portato, sui banchi del mercato, prodotti diversi, e una scelta più ampia.

A questo punto, qualcuno ha capito che il cibo poteva diventare un business. Non era importante che noi mangiassimo tutto il cibo acquistato, l’importante era che lo comprassimo.

Il cibo diventa così attraente oltre all’aspetto dell’appetito, è desiderabile, emozionale. Si tengono i prezzi bassi per raggiungere più consumatori possibili, e per tenere i prezzi bassi, si abbassa la qualità.

Paghiamo ancora oggi i risvolti sulla salute legati a scelte di mercato volte solo al profitto.

Ma in tutto questo, il danno maggiore è culturale! Perché il cibo, una risorsa vitale, indispensabile per vivere, ha perso valore, è guardato come qualcosa di poco conto, che c’è e sempre ci sarà, a disposizione dei nostri desideri.

Prima ancora di imparare a non sprecare il cibo, dobbiamo imparare a guardarlo come qualcosa di prezioso, di inestimabile valore, così da proteggerlo e valorizzarlo fino all’ultima briciola.