Zucchine sotto aceto


zucchine sott'aceto

L’estate è breve. Per bene che vada (e quest’anno, francamente, non è andata benissimo) la stagione estiva, calda, la stagione del costume da bagno e dell’abbronzatura, dei capelli bagnati e delle sere all’aperto, si consuma sempre in un tempo ben più limitato dei tre mesi promessi dal calendario.

Ecco perchè, almeno a tavola, mi piace portarmi dietro qualcosa dell’estate. Ho già preparato la salsa di pomodoro, le melanzane sott’olio e le zucchine sotto aceto.

La salsa la conosciamo già, le melanzane le racconterò presto, questa è la ricetta delle zucchine.

Cominciamo con la proporzione degli ingredienti:

  • 4 chili di zucchine chiare molto sode. Servono zucchine un po’ grandi, del diametro di 4-5 centimetri, una dimensione che ben difficilmente si trova sui banchi del mercato. Per procurarle, dovete commissionarle: al verduraio di fiducia, al contadino che vi rifornisce i prodotti dell’orto. Spiegate che vi servano per una conserva, e vi procureranno il prodotto giusto. Le zucchine sottili e tenere, ottime in carpaccio e in altre veloci preparazioni, non sono adatte a questa preparazione perché c’è il rischio che si spappolino.
  • 2 litri di aceto di vino bianco
  • 5 spicchi d’aglio
  • 10 rametti di timo (circa …)
  • 1 foglia di alloro
  • 2 cucchiaini di sale
  • Olio d’oliva
  • 8 vasetti da conserva da 250 grammi, perfettamente puliti e asciutti (o equivalente capacità)

Tempo di preparazione e cottura: mezzo pomeriggio

Tempo di riposo prima del consumo: 30 giorni.

Il lavoro vero e proprio consiste nella preparazione delle zucchine. Queste devono essere ben lavate e spuntate alle due estremità, poi tagliate a tocchetti, utilizzando solo la polpa più soda, ed eliminando la parte centrale, quella con i semi, più acquosa. Come si fa? Si tagliano le zucchine a fette dello spessore di circa un centimetro, si elimina, dove c’è, la parte centrale con i semi, e si taglia il resto. Man mano che procedete, raccogliete quello che tagliate in due ciotole diverse, da una parte i tocchetti, dall’altra i semi, che non si butta via niente!

Il lavoro non è dei più divertenti, è un po’ lungo e noioso, ma mentre procedete cominciate a pensare al piacere di gustarle … aiuta ….

Quando tutte le zucchine sono state tagliate, prendete una pentola molto grande, versate i due litri di aceto con la foglia di alloro e il sale, e portate a bollore.

Intanto che aspettate, pulite i rametti di timo, spolverandoli con uno strofinaccio umido, e tagliate a fettine sottili gli spicchi di aglio.

Quando l’aceto bolle, versate i tocchetti di zucchina, fate riprendere il bollore e contate tre minuti di cottura. Passati i tre minuti, spegnete il fuoco e, con una paletta forata, trasferite le zucchine in un colapasta appoggiato a un piatto fondo, di modo che si scolino bene.

Con un colino a maglie sottili, filtrate l’aceto. Fate tutto subito e velocemente, perché è importante lavorare con il prodotto ben caldo.

Ora trasferite le zucchine nei vasetti, inserendo in ognuno un rametto di timo e qualche fettina di aglio.

Riempite i vasetti con l’aceto ancora bello caldo, premendo un pochino per far uscire l’aria, e sigillate con un filo d’olio. Infine, chiudete accuratamente.

Anche se la curiosità di assaggiare è tanta, dovrete aspettare almeno un mesetto prima di sapere se sono davvero buoni … intanto, conservateli al fresco (non in frigo!) e al buio.

E che si fa della parte avanzata, quella con i semi? Intanto la si può surgelare, e poi utilizzare, quando ci fa comodo, per una frittata, una torta salata, un risotto, un sughetto vegetariano.

Arcobaleno di conserve

arcobaleno di conserve

Pubblicato da

Paola Bortolani

Un altro blog di cucina?! Sì, ma non come tutti gli altri, perchè qui l'ingrediente principale è l'avanzo, lo scarto, l'esubero. Ricette e consigli, tanti consigli, per contenere al massimo lo spreco del cibo e per recuperare quello che avanza con originalità ed eleganza

2 pensieri su “Zucchine sotto aceto”

I commenti sono molto graditi. Se ha i voglia, lascia la tua opinione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.