Torta di mele light


torta di mele light

La torta di mele più leggera del mondo! Non è una ricetta tradizionale ligure, ovvero non la si trova sui testi classici, quindi non saprei dire da dove arrivi, però io l’ho imparata a Genova (si faceva a casa mia) e solo in Liguria mi è capitato di trovarla, nelle pasticcerie e anche nelle panetterie o nelle gastronomie.

Cosa serve?

  • 5 mele della qualità preferita (con le renette viene più aspretta, con le golden più dolce …)
  • 100 gr. farina
  • 100 gr. zucchero
  • 2 uova
  • 1 manciata di uvetta
  • 1 manciata di pinoli
  • La scorza grattugiata di un limone oppure 1 bustina di vanillina
  • Il succo del limone di cui sopra (prima però grattugiatelo!)
  • Latte

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 50 minuti

E’ una torta che non si sforma, quindi fatela in un bel tegame di ceramica, rotondo o quadrato, come volete.

Accendete il forno a 200°. Ungete leggermente con burro o olio il tegame scelto.

Sbucciate le mele e affettatele direttamente nel tegame, spruzzandole leggermente con il succo del limone  man mano che le preparate, di modo che non anneriscano. Quando avete finito, semplicemente aggiustate un po’ le fettine superficiali, di modo da livellare il tutto.

In una ciotola sbattete velocemente le uova con lo zucchero, aggiungete la farina, uvetta, pinoli, scorza grattugiata del limone o vanillina, e diluite con il latte: dovrete avere una pastella piuttosto liquida, da rovesciare sulle mele e tra le mele, badando che si spalmi uniformemente, e sistemando un po’ pinoli e uvette, che tendono a raggrupparsi, chissà perchè.

Mettete la torta nel forno, controllate dopo una mezz’ora, e quando vedrete che le mele cominciano a dorarsi bene, verificate la cottura della pastella.

Estraetela dal forno, la torta è pronta! Praticamente è un piatto di frutta, leggero, digeribile, gustoso, ed è buona calda, tiepida e fredda.

Appena sfornata, con una pallina di gelato alla vaniglia, diventa perfetta come dessert a fine pasto.

Sempre a fine pasto può essere servita a temperatura ambiente, con o al posto della frutta.

Ed è perfetta a colazione e a merenda: in questi casi, suggerisco di renderla un pochino più dolce spolverando le mele, prima di infornare, con qualche cucchiaio di zucchero. Questo si caramellerà leggermente durante la cottura, conferendo alla torta un gusto intenso e più goloso.

Vino: Passito di Pantelleria

cezanne natura morta con mele