Pasta sprint con pomodorini secchi


pasta sprint con pomodori secchi

I pomodori secchi sono un altro di quegli ingredienti che è comodo avere in casa di riserva: si conservano a lungo, si prestano a diverse ricette, possono dare un tocco leggermente piccante a qualche pietanza un po’ insipida.

Il sughetto per questa pasta è, credo, il massimo della velocità, e lo stesso sugo funziona in estate come in inverno. Ora vi spiego.

Intanto ecco cosa serve (sempre per quattro):

  • 320 gr. di pasta corta (io ho un debole per le mezze penne)
  • 10 pomodori secchi
  • Una manciata di pinoli
  • Qualche cucchiaio d’olio
  • Sale (per l’acqua della pasta)

Tempo di preparazione: quello di cottura della pasta

Mettete su l’acqua. Tostate i pinoli in un padellino. Attenzione, questa è un’operazione veloce ma delicatissima, ci vogliono veramente solo pochi minuti per tostare i pinoli, e un attimo a bruciarli. Quindi, prendete un padellino antiaderente, mettetelo sul fornello piccolo e aggiungete i pinoli. Subito rimarranno pallidi, poi cominceranno a inumidirsi e poi a colorarsi leggermente. Fateli muovere delicatamente nella padella, oppure mescolateli con un cucchiaio di legno, e spegnete appena vi sembra che comincino a scurire troppo. Il calore residuo finirà l’opera.

Ora dedicatevi ai pomodori: tritateli velocemente nel mixer e saltateli pochissimi minuti in un’altra padella (che possa contenere la pasta scolata) con l’olio, di modo che si ammorbidiscano leggermente. Spegnete il fuoco e aspettate che la pasta sia cotta. Fatela saltare con i pomodori e i pinoli e servite subito (parmigiano solo per gli addicted).

Questa è la versione invernale. La versione estiva prevede lo stesso procedimento per i pinoli, mentre i pomodori sono semplicemente tritati e aggiunti alla pasta con olio crudo, leggermente più abbondante. In questo modo la pasta è gradevole anche fredda.

Vini: rosso delle Langhe

E un’immagine dell’Arcimboldo, dove a ben guardare ci sono anche i pomodori

arcimboldo pomodori13

Couscous di cavolfiore


couscous

Ecco un’idea veloce e appetitosa per rendere gradito a tutti, ma proprio a tutti, il cavolfiore bollito.

Gli ingredienti sono:

  • 1 cavolfiore
  • 5-6 Pomodori secchi
  • Una manciata di uvetta
  • Una manciata di olive nere
  • Una manciata di pinoli
  • Olio evo, aceto balsamico, sale (a discrezione)

Tempo di preparazione degli ingredienti: 10 minuti prima + 10 minuti alla fine

Tempo di ammollo del cavolfiore: 30 minuti

Tempo di cottura del cavolfiore: 15 minuti circa dal primo bollore

La prima cosa da fare è, ovviamente, pulire il cavolfiore: staccate le foglie più dure e mettetelo a bagno immerso in acqua fredda con due cucchiai di sale. Lasciatelo riposare una mezz’ora: l’acqua salata farà uscire eventuali insetti nascosti tra le sue pieghe.

Ora sciacquate il cavolfiore, dividetelo in cimette e fatelo lessare in acqua salata, scolandolo piuttosto al dente. Una volta pronto, scolatelo, cercate di sgranarlo più possibile e conditelo con gli ingredienti indicati (i pomodori secchi saranno stati tagliati a striscioline) olio evo e un pochino di aceto balsamico. Sentirete che gusto stuzzicante!

E’ un piatto rapido, economico e dal gusto originale. Il cavolfiore è una verdura invernale, così preparato può essere un giusto contorno per un arrosto semplice o un roast beef, oppure diventare il secondo piatto di una cena leggera.

E’ anche un piatto molto salutare:  sia il cavolfiore che i pomodori secchi (ottima alternativa ai freschi, quando non sono disponibili) sono ricchi di Sali minerali e vitamina C, oltre a rappresentare una buona difesa anti cancro.

Strategie: il cavolfiore può essere lessato in anticipo, magari in un momento in cui è possibile arieggiare bene la casa, visto l’odore sgradevole durante la preparazione.  Mentre lo pulite, non gettate il torsolo! Lessatelo con due patate, e avrete una squisita crema di cavolfiore, oppure aggiungetelo al minestrone classico.

Vini: Nebbiolo o bianco delle Langhe

Una pittrice ci dà una poetica versione del cavolfiore

cavolfiore